Ravioli gnudi

Ravioli gnudi

    Per San Valentino è un’ottima idea preparare i ravioli gnudi, un prima piatto specialissimo e intrigante, che vi appassionerà al primo assaggio. Qualcuno si chiederà come mai vengano chiamati proprio in questo modo e la risposta è che questa pasta in realtà sarebbe il ripieno dei ravioli stessi, rimasti appunto ignudi della loro coperta di pasta fresca. Questa sorta di gnocchi di ricotta ricchi di spinaci saranno pronti poi in pochi minuti, giusto da condire con la salsa preferita. L’unica accortezza sarà nel calibrare la quantità di farina da utilizzare, potrebbe volercene di più di quella suggerita perchè dipende tutto dall’umidità dell’impasto di base, cioè quanto è morbida la ricotta e grande l’uovo. Non aggiungetene troppa però, il rischio è che in cottura i ravioli gnudi diventino durissimi.

    Ingredienti

    Ingredienti Ravioli gnudi

    • 220 grammi di ricotta mista freschissima
    • 220 grammi di spinaci lessati e tritati
    • 1 pizzico di noce moscata
    • 1 cucchiaio di farina o più
    • 100 grammi di formaggio grattugiato
    • 1 uovo
    • Sale

    Ricetta e preparazione

    Come fare i Ravioli gnudi

    1. Setaccia la ricotta in una scodella poi aggiungi gli spinaci, il formaggio, la noce moscata e il sale.
    2. Sguscia l’uovo e uniscilo al composto, amalgamalo con l’aggiunta di poca farina, fino a formare delle palline, piuttosto morbide ma sode.
    3. Poni le palline su un piano di lavoro infarinato e una volta preparate tutte mettile a lessare in acqua bollente salata.
    4. Appena verranno a galla sono pronte, scolale e condisci come più ti piace, in bianco con del burro e salvia, oppure con una mestolata abbondante di sugo, ad esempio ai funghi.

    Foto di Trozbo

    VOTA:
    4.8/5 su 2 voti