Minestrone di verdure

    photo-full
    Oggi vi proponiamo la ricetta del minestrone di verdure, un piatto saporito e salutare, e che se fatto bene sarà apprezzato anche da chi non ama proprio le verdure. Ma per essere precisi più che una ricetta del minestrone noi vi diciamo come farlo a regola d’arte in ogni occasione e con quello che offre il mercato. Le regole per un buon minestrone sono: tante verdure e legumi diversi, usare solo prodotti di stagione (infatti a casa nostra il minestrone cambia continuamente composizione durante l’anno), farne in gran quantità e cuocerlo a lungo. Secondo noi le ricette di minestrone dove si legge 170 g. di fagiolini e 220 g. di cavolo e magari sono per 2 persone, ci fanno sorridere e non permettono di ottenere il “vero minestrone”.

    Ingredienti

    • cavolo tipo verza o nero
    • zucca e zucchine (e se riuscite a trovarli i tenerumi, cioè le cime delle piante di zucchina alla fine della stagione)
    • fagioli freschi e fagiolini, piselli freschi e fave fresche (private della pellicina verde che le ricopre)
    • bietole, spinaci, erbe selvatiche come le ortiche o i denti di leone
    • pomodori e qualche melanzana (di quelle piccole)
    • cipolle e porri
    • carote e sedano
    • patate, queste non devono mancare mai
    • legumi secchi, come fagioli, fagiolane, ceci (da ammollare almeno 24 ore in acqua depurata se possibile)
    • lenticchie e i piselli secchi (quelli spaccati, cioè privati della pelle che si presentano come mezze sfere di colore verde brillante)
    • aglio, basilico, prezzemolo, un rametto di rosmarino legato
    • cotenne di lardo o pancetta (non affumicate), o anche qualche pezzetto di questi salumi, scottate il tutto un minuto in acqua bollente prima di usarlo
    • croste di formaggio parmigiano ben pulite
    • sale
    • olio extra vergine d’oliva
    • parmigiano grattugiato
    Ricettari correlati Scritto da GIeGI

    Preparazione

    1. Pulite tutte le verdure e le erbe aromatiche, lavatele e tagliatele a pezzetti.
    2. Ponete il tutto assieme alle croste di formaggio e alle cotenne (se le usate) e ai legumi secchi ammollati in un capace pentolone, coprite d’acqua e ponete sul fuoco. Fate cuocere minimo due ore, ma non ci sono limiti superiori (unendo altra acqua se necessario): in un paesino vicino a Genova fanno la sagra del minestrone cuocendolo dalla mattina alla sera, per oltre 8 ore, con un risultato sorprendente.
    3. Noi non mettiamo il sale a questo punto, sia perché se le verdure sono buone e varie non se ne sente il bisogno, e poi ad aggiungerlo si fa sempre in tempo.
    4. A questo punto potete schiacciare una parte delle verdure con una forchetta (basta toglierne un poco con una schiumarola, metterle in un piatto, schiacciarle, e riversare nella pentola). Procedete in questo modo fino a raggiungere il mix voluto tra pezzetti e cremoso; ma ricordate che il minestrone non è un passato di verdura. Oppure usate un frullatore ad immersione, fatelo andare per 10 secondi, mescolate e procedete anche in questo caso fino ad ottenere la giusta consistenza. Aggiustate di sale.
    5. Servite il minestrone caldo o freddo a piacere, completandolo con olio d’oliva extra vergine e parmigiano grattugiato.

    Potete servire assieme al minestrone dei crostini di pane, oppure provate a mettere nei piatti delle friselle, versateci sopra il minestrone, caldo o freddo, aspettate 10 minuti e servite (a questo punto però consideratelo piatto unico).

    Sempre se volete rendere il minestrone un piatto unico potete aggiungere la pasta, ma cuocendola a parte come spiegato in questo post.

    Seguendo le nostre indicazioni sicuramente ne avrete preparato tantissime porzioni, non preoccupatevi, ricordate che il minestrone dura alcuni giorni nel frigorifero in contenitori ermetici, e che lo potete surgelare benissimo. Inoltre il minestrone a temperatura ambiente è una splendida idea per il pranzo in ufficio, e che offrire una ciotola di minestrone pronto è un'idea perfetta per socializzare con i vicini.

    Poi ultima cosa, noi (o meglio sopratutto il GI rosa) non amiamo fare un soffritto o soffriggere parte delle verdure quando prepariamo il minestrone, la tradizione lo vorrebbe, ma senza soffitto il risultato sarà più digeribile e si sentiranno di più i sapori delle verdure.

     
    Foto di avlxyz