Le Formagelle sarde

    photo-full
    Questo dolce tradizionale sardo viene servito nel periodo pasquale. Ne esistono diverse varietà: quella delicatissima con ricotta e quella dal sapore più deciso con il formaggio fresco, quelle con uvetta e quelle aromatizzate al limone o all'arancia. Se volete abbinarle ad un vino, consiglio il dolce ed intenso Carignano del Sulcis passito.

    Preparazione

    Formate con la farina la tipica fontana e disponetevi al centro lo strutto e il sale. Impastate il tutto e lavorate, aggiungendo un poco d’acqua, fino ad ottenere un impasto sodo e liscio.
    Mentre l’impasto riposa un poco, potete preparare la farcia: in una terrina lavorate la ricotta, lo zucchero, lo zafferano sciolto, l’uvetta ben strizzata e la scorza di arancia.

    Mescolate bene tutti questi ingredienti con i due tuorli sbattuti, fino ad ottenere una specie di crema.
    Accendete il forno a 180° e foderate una teglia con carta da forno.
    A questo punto stendete l’impasto, su un ripiano infarinato e, aiutandovi con un matterello, ricavate una sfoglia piuttosto sottile; tagliate la sfoglia con un coppapasta circolare del diametro di circa 8-10 cm e disponete al centro di ogni disco una cucchiaiata di farcia; tirate in alto i bordi e pizzicottate la pasta in 5 punti, così da creare la tipica forma pentagonale con le punte sporgenti.
    Trasferite sulla teglia e infornate per circa 20-30 minuti, stando attenti a non far scurire la pasta. Sfornateli e fateli raffreddare prima di servirli.