Locali: i ristoranti a km Zero

Locali: i ristoranti a km Zero
  • Commenti (2)
  • Condividi
  • Email
  • Stampa

ristoranti a Km zero

Cerchiamo sempre, o quasi, di suggerirvi locali dove potete mangiare in maniera genuina e gustosa. Stanno prendendo piede ovunque i ristoranti detti a Km Zero, dei ristoranti dove si servono menù preparati con ingredienti prodotti o coltivati in luoghi vicini, che non sono costretti a lunghi percorsi prima di arrivare sulla tavola.

  • kilometro zero
  • ristorante urbana 47
  • locandina menù a Km Zero
  • tavoli urbana 47

In molte regioni italiane sono quindi nati dei ristoranti gestiti da chef che sono rimasti affascinati da questa sana ed ecologica tendenza. In Lombardia il ristorante Kilometro Zero, propone piatti della tradizione italiana, che variano ogni giorno a seconda della spesa che effettua lo staff. Le loro specialità sono i ravioli ripieni di fritti di verdure e un passato di legumi in tazzina. Il locale si trova a Milano, in via Donatello 22.

A Roma invece si può andare da Urbana 47, un posto arredato in stile vintage, aperto dalla mattina fino a notte. Qui la cucina laziale viene preparata utilizzando ingredienti che vengono esclusivamente dalle campagne vicine, e che vengono acquistate direttamente dai produttori. Anche la birra e i vini hanno provenienza esclusivamente del Lazio. Si trova in via Urbana 47, come recita il nome, a Roma.

Foto da:
www.ecologiae.com
www.promo-franchising.it

241

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

Gio 04/06/2009 da in

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Marcello 8 febbraio 2011 11:29

Il locale ha l’aria di essere qualcosa di completamente diverso da ciò che puoi trovare a Roma, ci sono stato spesso sia per l’aperitivo sia per il pranzo e mi sono sempre trovato bene.
La cucina è deliziosa e il solo pensiero di mangiare esclusivamente prodotti provenienti dalle campagne laziali ti fa venire più appetito. Lo consiglio per qualunque occasione, anche per un pranzo di lavoro (come è successo a me la prima volta che ci sono stato).

Ciao

Marcello

Rispondi Segnala abuso
Daniela 28 marzo 2012 16:33

Siamo rimaste perplesse dalla scelta del nome del locale.
Abbiamo ordinato un dessert di frutta e ci siamo viste arrivare un carpaccio di ananas. La domanda nasce spontanea: ma l’ananas è a kilometro zero? La risposta data è che il nome del locale non corrisponde al concetto “comune” di kilometro zero, bensi ad un tentativo di scelta di prodotti di origine italiana, di qualità e di stagione. Abbiamo quindi capito che i prodotti proposti possono tranquillamente fare il giro d’Italia e del mondo prima di essere serviti, a dispetto di quanto dichiarato nel menu e nel nome del ristorante.
Crediamo che ognuno possa dare il nome che preferisce al proprio locale. Ma in questo caso la scelta del nome strizza l’occhio al trend del “consumo critico” senza una reale corrispondenza.

Rispondi Segnala abuso
Seguici