Pasqua: la colazione romana

Pasqua: la colazione romana
  • Commenti (4)
  • Condividi
  • Email
  • Stampa

Colazione pasquale

La mattina di Pasqua, a Roma, ma anche in tutto il Lazio, fino ad arrivare anche nelle zone confinanti con l’Umbria, si consuma una tradizionale colazione, che per quanto sia solamente il preludio per il ricco pranzo di festa, è molto abbondante, ricca di tante portate, sia dolci che salate. Sarà una sopresa per chi non conosce questa usanza ritrovarsi per la colazione la tavola imbandita di piatti inconsueti per il primo pasto della giornata, e vi capiterà soprattutto se siete ospiti di qualche famiglia romana di vecchia generazione.

  • La pizza di Pasqua
  • La colomba pasquale per colazione
  • I carciofi come colazione
  • L'uovo di cioccolato per iniziare la giornata
  • Le uova sode come colazione
  • La colazione di Pasqua con coratella

Per la religione cristiana questo momento serve a celebrare la fine del digiuno e il ritorno alla vita. Seppur con significati diversi troviamo sulle tavole ebraiche gli stessi alimenti, infatti l’agnello simboleggia per questa religione non il corpo di Cristo, ma la liberazione dalla schiavitù, e le uova, altro importante simbolo, sono per i cristiani un simbolo di resurrezione, mentre per gli ebrei danno loro il significato di nuova vita.

Per allestire come si deve la tavola per questa importante occasione, alla quale spesso viene data più importanza che al pranzo pasquale, bisogna apparecchiare come per un pasto normale, quindi con tutte le posate, piatti e bicchieri, e non come per una normale colazione.

Se non volete poi svegliarvi all’alba sarà bene che prepariate la maggioranza delle portate il giorno prima, per poi ridurre alla mattina solamente facili e rapidi piatti. Inoltre cercate di servire la colazione il prima possibile, per evitare di rovinare l’appetito per il pranzo.

Preparate quindi con anticipo la pizza sbattuta, una sorta di pan di spagna, per la parte dolce della colazione, che di solito si mangia insieme alle uova di cioccolato. La colazione pasquale è tra l’altro una buona occasione per far scartare le uova ai bambini, che così potranno scoprire la sopresa.

La parte salata è molto ricca, con piatti che è strano immaginare di mangiare la mattina presto. Ogni famiglia ha le proprie tradizioni, per esempio solo in alcune case troverete la frittata di carciofi, che però sono un ingrediente fondamentale di un piatto d’obbligo per questo pasto: la coratella con i carciofi, che sembrerà strano, ma è apprezzatissima dai romani, anche al mattino.

Possono esserci sulla tavola anche varie torte salate, da preparare secondo il gusto della famiglia. Non mancano mai le uova sode, la corallina, un particolare tipo di salame, ad mangiare insieme alla famosa pizza di pasqua.

Questo è un momento molto importante per la tradizione romana, tuttavia se avete ospiti, non pretendete che provino necessariamente la coratella con i carciofi, piuttosto assicurategli un buon caffè e una fetta di colomba e invitatelo a provare la cioccolata delle uova con la pizza sbattuta.

Foto da:
www.fabrianostorica.it, rubbahslippahsinitaly.blogspot.com, www.wonderumbria.com, www.blogcdn.com, tuttodihellokitty.blogspot.com, servicios.laverdad.es, www.pastrywiz.com, www.tusciainvetrina.info

571

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

Lun 29/03/2010 da in

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
2 aprile 2010 20:03

Non “in tutto il Lazio, fino ad arrivare anche nelle zone confinanti con l’Umbria” ma “”in tutto il Lazio ed in tutta l’Umbria” perché qui è decisamente tradizione, anzi, lo è sempre stato!!!

Rispondi Segnala abuso
Paoletta
Paoletta 18 aprile 2010 23:20

Grazie anonimo per averci sottolineato che questa tradizione non è solo del Lazio, ma anche dell’Umbria.

Segnala abuso
Paola 18 aprile 2010 17:43

tutti i cibi che si mangiano la mattinA DI pasqua il giovedì santo si portano in chiesa in un cestino per farli benedire,compresa l’acqua, io ho mantenuto queste tradizioni umbre pur abitando in calabria da più di 40 anni

Rispondi Segnala abuso
Paoletta
Paoletta 18 aprile 2010 23:19

Noi non abbiamo mai avuto l’usanza di portare a far benedire in chiesa le cibarie della colazione, ma grazie mille per questa precisazione che mancava nell’articolo!

Rispondi Segnala abuso
Seguici