Tempo:
4 h
Difficoltà:
Difficile
Porzioni:
6 Persone
Calorie:
320 Kcal/Porz

    Ecco la ricetta degli agnolotti, un particolare tipo di pasta fresca ripiena, vanto della cucina piemontese, che hanno la forma dei ravioli oppure di ravioli del plin. Farciti con un misto di carne e verdure, gli agnolotti vanno conditi con il sugo di cottura delle carni utilizzate per il ripieno, ossia il cosiddetto sugo di arrosto, oppure serviti in una tazza di vino rosso piemontese. Se preferite le preparazioni più semplici, potete provarli con burro e parmigiano.

    Ingredienti

    Ingredienti Agnolotti per sei persone

    • 3 cipolle
    • 3 gambi di sedano
    • rosmarino q.b.
    • 3 cucchiai di olio d’oliva extra vergine
    • 900 gr di carne di vitellone o di manzo adatta alle lunghe cotture in un pezzo solo
    • brodo di carne q.b.
    • 1 kg di farina
    • 2 manciate di parmigiano reggiano grattugiato
    • semola q.b.
    • 3 carote
    • 3 spicchi di aglio
    • 2 noci di burro
    • 2 bicchieri di vino rosso di ottima qualità
    • 1 pezzo di carne di maiale nel taglio detto coppa
    • 800 gr di verdure verdi in foglie, come spinaci, bietoline o borragini
    • 16 uova
    • noce moscata q.b.
    • sale e pepe q.b.

    Ricetta e preparazione

    Come fare gli Agnolotti

    Pulite le verdure per il soffritto (sedano, carote cipolle, aglio e gli aghi del rosmarino), lavatele e tritatele finemente.

    Mettete il trito di verdure in una capace casseruola con una noce di burro e l’olio, e fatele sudare a fuoco moderato mescolando e bagnando con un po’ di acqua di tanto in tanto.

    Cuocete fino a quando le verdure saranno morbide ed appassite.

    Nel frattempo portate ad ebollizione il vino rosso e fatelo bollire per 5 minuti, e tenetelo da parte.

    Gettate i pezzi di carne (vitellone e maiale) nel soffritto.

    Fate rosolare i pezzi di carne nel soffritto a fuoco vivace rigirandoli.

    Bagnate con il vino preparato in precedenza.

    Salate e pepate, coprite a filo di brodo di carne e fate cuocere a fuoco moderato per un’ora e mezza circa, bagnando con altro brodo se necessario.

    Il sugo e la carne possono essere preparati con largo anticipo e conservati in frigorifero.

    Pulite e lavate le verdure, e fatele cuocere senza usare alcun condimento.

    Fate asciugare le verdure a fuoco dolce con una noce di burro e un pochino di sale.

    Mettete le verdure a raffreddare in uno scolapasta.

    Preparate la pasta con la farina, le uova e un pizzico di sale.

    Lavorate la pasta a lungo, poi fatela riposare almeno un’oretta coprendola con una ciotola.

    Prendete la carne dal sugo e tagliatela a pezzetti.

    Riunite la carne tagliata e le verdure ben scolate in una ciotola.

    Passate la carne e le verdure al tritacarne due volte.

    Aggiungete al trito di carne e verdure il parmigiano, del sale, la noce moscata e un po’ di pepe.

    Unite 4 uova al ripieno.

    Mescolate il composto e aggiustatelo di sale, ed ecco il ripieno degli agnolotti pronto.

    Per fare gli agnolotti stendete la pasta.

    Stendete una sfoglia sullo stampo per ravioli, e deponete una piccola quantità di ripieno in ogni buco.

    Continuate fino a riempire tutti i buchi.

    Coprite il tutto con una seconda sfoglia e passate sopra il piccolo matterello premendo con energia.

    Togliete gli agnolotti dalla raviolina.

    Deponete gli agnolotti su una spianatoia spolverata con semola o su un vassoio coperto da uno strofinaccio e spolverato con la semola.

    Potete preparare gli agnolotti in anticipo, conservandoli coperti da uno strofinaccio in un locale fresco. Ricordate che potete anche surgelarli, mettendoli prima nel freezer sopra a un vassoio e poi richiudendoli negli appositi sacchetti.

    Cuocete gli agnolotti in abbondante acqua salata e conditeli a piacere:

    - con il sugo di arrosto (quello prodotto durante la cottura della carne) e con del parmigiano

    - con del burro

    - con burro e parmigiano grattugiato

    - in una ciotola contente del buon vino rosso, aggiungendo o meno anche del parmigiano. Se pensate che il vino abbia un gusto troppo intenso provate con metà vino e metà brodo di carne caldo.

    Foto di GIeGI

    VOTA:
    4.3/5 su 2 voti