Calamari al forno

Calamari al forno

Tempo:
40 min
Difficoltà:
Facile
Porzioni:
4 Persone
Calorie:
280 Kcal/Porz

    Quella dei calamari al forno rappresenta la ricetta perfetta per un secondo leggero e sfizioso. Ricoperti di pangrattato e pochi aromi, una volta sfornati i calamari risultano essere irresistibilmente croccanti. Perfetti da servire nell’ambito di una cenetta estiva insieme ad una insalata mista o ad un contorno di verdure grigliate, piacciono a grandi e bambini. Tra le ricette di pesce questa è sicuramente una delle più apprezzate. Per insaporire ulteriormente la panatura, unite poco grana grattugiato ed uno spicchio di aglio tritato.

    Ingredienti

    Ingredienti Calamari al forno per quattro persone

    • olio extra vergine di oliva qb
    • sale e pepe
    • succo e scorza di limone

    Ricetta e preparazione

    Come fare i Calamari al forno

    Lavate bene i calamari, puliteli ed eliminate le interiora e gli occhi.

    Tagliateli ad anelli e riducete i tentacoli a pezzi.

    Trasferiteli in una ciotola ed unite abbondante olio. Mescolate bene.

    Cospargete con del pangrattato, del sale, del pepe e del prezzemolo fresco tritato.

    Mescolateli bee per fare aderire bene il pangrattato.

    Trasferite su una teglia rivestita di carta da forno e fate cuocere a 180 °C per circa 20 minuti a 180°C.

    Una volta perfettamente dorati, tirateli fuori ed irrorateli con del succo di limone.

    Serviteli caldi.

    Calamari al forno con patate

    I calamari al forno con patate sono perfetti per portare in tavola un secondo piatto ricco e completo di contorno a tutti gli effetti, in modo da non avere ulteriori pensieri. Per prepararli potrete unire 400 gr di patate precedentemente pelate, tagliate a cubetti e sbollentate in acqua salata per 10 minuti, quindi procedere come sopra. Assicuratevi della completata cottura delle stesse prima di tirare fuori i calamari dal forno.

    Il tempo di cottura dei calamari al forno

    Il tempo di cottura dei calamari in forno è piuttosto breve, non dovrebbe superare i 20-25 minuti. Oltre, infatti, si corre il rischio che il pesce diventi troppo secco e gommoso, difficilmente masticabile, compromettendo il risultato finale.

    Foto | Stu_spivack

    VOTA:
    4.6/5 su 4 voti

    Speciale Natale