Calamari Fritti

calamari e patate

I calamari fritti, ideali durante le festività natalizie e perfetti per le cene estive, sono un piatto adatto ad ogni stagione. Semplici e di rapida preparazione, i calamari fritti si caratterizzano per il particolare colore dorato che assumono dopo la frittura, e per il gusto piacevolmente croccante fuori e morbido dentro. Vi proponiamo la ricetta perfetta per realizzare i calamari fritti nel migliore dei modi, dandovi anche un’alternativa per i palati più esigenti. La preparazione dei calamari al forno infatti, esalterà in maniera preziosa e delicata il gusto dei molluschi che risulteranno ancora più buoni e saporiti. Una sola regola da seguire: i calamari devono essere necessariamente freschi! Acquistate il prodotto già pulito o provvedete a farlo seguendo le poche semplici mosse che vi consigliamo su come pulire i calamari.

Ingredienti

  • 5 calamari medi già puliti
  • olio extravergine di oliva
  • farina di grano duro
  • farina di polenta
  • acqua frizzante

Preparazione

  1. Prendete i calamari freschi e lavateli bene sotto’acqua corrente. Asciugateli accuratamente con della carta assorbente (è importante togliere l’acqua in eccesso per permettere alla pastella di aderire bene al calamaro), e successivamente tagliateli a rondelle. Mettete l’olio in una pentola un po’ profonda e lasciatelo bollire.

  2. In una ciotola ponete la farina di grano dura e quella di polenta in parti uguali e mescolate bene. La farina di grano duro vi farà ottenere una frittura croccante mentre la farina di polenta darà ai vostri calamari quel particolare colore dorato. Aggiungete un po’ di acqua fredda e girate in modo da ottenere una pastella non troppo liquida.

  3. Tuffate i calamari nella pastella e fate in modo che ogni calamaro sia ben impregnato dell’impasto. Ora, con attenzione agli schizzi e alle eventuali ustioni, immergete i calamari nell’olio e friggeteli per 3/4 minuti su entrambi i lati fino a quando non hanno raggiunto il giusto colorito.

  4. Finita questa operazione, eliminate l’olio in eccesso ponendo i calamari su carta assorbente da cucina. In piatto sistemate qualche foglia di lattuga per dare un tocco di colore, e ponete i calamari fritti che sono pronti per essere serviti.

Calamari al forno con patate

totani al forno

I calamari al forno con patate sono un’ottima alternativa ai calamari fritti, una pietanza leggera, gustosa e semplicissima da realizzare. Iniziate come sempre a lavare bene i calamari, asciugateli con la carta assorbente e tagliate tutto a rondelle. Procedete a sbucciare, lavare e tagliare le patate in cubettini. Sbollentate le patate per circa 6-7 minuti e lavatele nuovamente in acqua fredda; questo procedimento toglierà l’amido dalle patate e vi aiuterà a farle cuocere in maniera più croccante. Prendete una teglia e mettete un po’ di olio extravergine di oliva sul fondo, adagiatevi le patate e successivamente i calamari a rondelle. Aggiungete ora del sale, il succo di mezzo limone e del prezzemolo. Spolverate un po’ di pan grattato su tutta la superficie e terminate l’operazione aggiungendo nuovamente dell’olio. Ponete tutto in forno per 30 minuti a 180°, successivamente continuate la cottura con la modalità grill per altri 5 minuti.

Per gli amanti di questo tipo di mollusco, un’altra ricetta è quella dei calamari ripieni, provare per credere!

Foto di Bradley Hawks; Onde_99

Lun 05/08/2013 da

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Andreina Repetti
Andreina Repetti 26 agosto 2013 13:37

io volevo sapere come mai non mi restano croccanti dopo che seguo tuttte la indicazioni. il fritto pero non l’ho mai fatto con la pastella ( cioe’ i calamari fritti ,ma con farina e basta.)) vi ringrazio se mi darete una risposta.

Rispondi Segnala abuso
Angela Bruno
Angela Bruno 23 settembre 2013 14:47

Ciao Andreina! La croccantezza dei calamari in pastella è diversa da quelli cucinati solo con la farina: la pastella crea una “patina” intorno ad essi per avere una parte esterna molto croccante e una parte interna morbida. Hai provato ad allungare un po’ i tempi di cottura?
Continua a seguirci! A presto,

Angela

Rispondi Segnala abuso
Seguici