Capriolo alla panna

Capriolo alla panna

Tempo:
3 h
Difficoltà:
Media
Porzioni:
4 Persone
Calorie:
379 Kcal/Porz

    Questa ricetta per il capriolo alla panna propone un saporito e abbastanza leggero modo di cucinare la cacciagione di pelo di grande taglia, come appunto il capriolo, il cervo o il cinghiale, dove il dolce della panna è piacevolmente equilibrato dall’aceto Balsamico di Modena. Servite il capriolo con il suo intingolo assieme a della polenta, o delle patate lesse o del purè; e se per caso il clima non invoglia alla polenta fumante, preparatela lasciatela rassodare, tagliatela a fette e poi grigliatela, e vedrete che si abbina perfettamente a questa ricetta.

    Ingredienti

    Ingredienti Capriolo alla panna per quattro persone

    • 1 cosciotto o altro taglio di capriolo frollato al punto giusto
    • 3 o 4 carote
    • olio d’oliva o di semi q.b.
    • panna liquida q.b.
    • 2 cipolle bianche
    • 2 o 3 gambi di sedano
    • aceto balsamico di Modena q.b.
    • sale q.b.

    Ricetta e preparazione

    Come fare il Capriolo alla panna

    Tagliate il capriolo a pezzi e se si tratta di altra selvaggina eliminate il grasso visibile. Lavate il capriolo con acqua e aceto, risciacquatelo e poi mettetelo a scolare. Molte ricette richiedono di marinare la cacciagione, ma noi visto che oggigiorno si trovano solo animali giovani, in molti casi di semi-allevamento, e per di più surgelati, pensiamo che il procedimento possa essere saltato.

    Pulite sedano, carote e cipolle.

    Tritate le verdure molto finemente con un robot da cucina.

    Mettete il trito di verdure in un capace tegame con un po’ di olio.

    Fate sudare a fuoco molto dolce il trito di verdure.

    Gettate i pezzi di capriolo nel tegame e fateli rosolare, alzando il fuoco e mescolando.

    Alla fine dovranno essere uniformemente leggermente dorati.

    Mettete sul fuoco uno spargifiamma per prepararsi ad una lunga cottura.

    Bagnate il capriolo con dell’aceto balsamico di Modena.

    Versateci sopra un po’ di panna liquida.

    Continuate la cottura a fuoco moderato coperto almeno un paio d’ore; ma controllate la cottura visto che il tempo dipende molto dalle caratteristiche dell’animale usato. Se necessario bagnate con poca panna liquida o acqua calda, mentre se alla fine l’intingolo risultasse troppo liquido continuate la cottura scoperto.

    Alla fine il capriolo sarà accompagnato da abbondante e molto saporito intingolo.

    Servite il capriolo alla panna accompagnato da polenta o patate lesse oppure del purè di patate, o nella stagione più calda con polenta grigliata.

    Foto di GIeGI

    VOTA:
    4.1/5 su 4 voti