Vitello in guazzetto

Vitello in guazzetto

    Vi proponiamo questa saporita ricetta per cucinare il vitello in guazzetto. Una preparazione in guazzetto indica in generale una cottura in umido con sugo abbondante e piuttosto liquido, in questo caso il vitello è cotto in un saporito intingolo a base di latte e delicatamente aromatizzato dallo speck. La ricetta originale, scritta dell’Artusi nel libro L’arte di mangiar bene e la scienza in cucina, richiedeva di cuocere il vitello in una pentola sigillata con carta oleata e spago, noi modernamente abbiamo preferito usare la pentola a pressione.

    Ingredienti

    Ingredienti Vitello in guazzetto

    • 500 g. di arrosto di vitello, vanno benissimo gli arrosti arrotolati come quello usato nelle foto
    • 1/2 limone da agricoltura biologica o almeno non trattato
    • 1 cucchiaio di olio
    • sale e pepe q.b.
    • 30 g. di pancetta arrotolata, oppure di prosciutto crudo o di speck (nelle foto abbiamo usato lo speck)
    • una noce di burro
    • 1 bicchiere di latte

    Ricetta e preparazione

    Come fare il Vitello in guazzetto

    Mettete in una pentola a pressione l’olio e il burro.

    Ricoprite il fondo della pentola con le fettine di pancetta (o prosciutto crudo o speck) e con il limone privato della buccia e dei semi ed affettato.

    Ponete la pentola sul fuoco e metteteci dentro il pezzo di carne di vitello.

    Rosolate il pezzo di vitello, facendolo colorire per bene da tutte le parti.

    Salate e pepate il pezzo di carne.

    Versate il latte (non vi preoccupate se si coagulerà); chiudete la pentola a pressione, lasciate cuocere una mezz’oretta a partire dal fischio.

    Quando il vitello sarà cotto, toglietelo dalla pentola e fate ridurre un pochino l’intingolo che si sarà formato; quindi filtratelo.

    Affettate l’arrosto non troppo sottilmente, dopo aver eliminato la legatura se presente.

    Servite il vitello in guazzetto a temperatura ambiente, coperto dal suo saporito intingolo.

    Accompagnatelo da insalata verde oppure verdure grigliate.

    Foto di GIeGI

    VOTA:
    4.5/5 su 4 voti