Castagnaccio toscano

Castagnaccio toscano

Tempo:
30 min
Difficoltà:
Facile
Porzioni:
6 Persone
Calorie:
380 Kcal/Porz

    Il castagnaccio è un dolce molto particolare, a base di farina di castagne, arricchito con pinoli, uva passa, noci e rosmarino: realizzato con pochi ingredienti e con un procedimento molto semplice è un dessert prettamente autunnale, tipico della Toscana, regione in cui la castagna è molto diffusa.

    Ingredienti

    Ingredienti Castagnaccio toscano per sei persone

    • 300 gr di farina di castagne
    • 1 bicchiere d'acqua
    • 50 gr di uvetta
    • 50 gr di noci sgusciate
    • Un pizzico di sale
    • 4 cucchiai di zucchero
    • 2 cucchiai di olio extravergine d'oliva
    • 50 gr di pinoli
    • 2 rametti di rosmarino fresco

    Ricetta e preparazione

    Come fare il Castagnaccio toscano

    Per prima cosa accendi il forno a 200 gradi.

    Setaccia poi la farina in un recipiente abbastanza grande ed aggiungi l’acqua, gradualmente, mescolando con una forchetta per eliminare tutti i grumi che eventualmente si formano.

    Quando la farina sarà ben amalgamata aggiungi lo zucchero, il sale e l’uvetta (precedentemente fatta rinvenire in poca acqua tiepida) una manciatina di pinoli, una di noci tritate molto grossolanamente, e due cucchiai di olio.

    Mescola ancora il composto per renderlo omogeneo.

    Rovescialo in uno stampo o una teglia da forno, unti con abbondante olio d’oliva, oppure rivestiti con un foglio di carta forno.

    Decora infine la superficie con i rimanenti pinoli, le noci, il rosmarino ed un filo di olio; quindi inforna per circa 30 minuti (il tempo di cottura, comunque, dipende dallo spessore dello strato). In ogni caso, un castagnaccio ben cotto deve avere la superficie screpolata e asciutta.

    Servite il castagnaccio tiepido, tagliato in grossi quadrati e magari accompagnato con un cucchiaio di ricotta fresca.

    Curiosità

    Il castagnaccio, come la maggior parte delle ricette tradizionali, nasce come pietanza per i contadini, poichè la castagna era un alimento molto diffuso nelle campagne, nutriente e poco costosa. Le origini di questo dolce sono dunque remote e già nel ‘500 era molto conosciuto ed apprezzato. Sembra che l’ideatore di questo buonissimo dolce sia stato il toscano Pilade da Lucca, citato nel «Commentario delle più notabili et mostruose cose d’Italia et altri luoghi», scritto da Ortensio Orlando e pubblicato a Venezia nel 1553. Fu però solo a partire dall’ 800 che il castagnaccio si diffuse nel resto d’Italia e fu solo in questo momento che venne arricchito con uvetta, pinoli e rosmarino.

    Una leggenda voleva che le foglioline di rosmarino utilizzate per profumare il castagnaccio costituissero un potente elisir d’amore: il giovane che avesse mangiato il dolce offertogli da una ragazza, si sarebbe subito innamorato di lei e l’avrebbe chiesta in sposa. Al giorno d’oggi questa leggenda fa un po’ sorridere ma noi consigliamo comunque di provare questa ricetta e di offrire un po’ di questo dolce alla persona desiderata, tentar non nuoce.

    Foto di Francesca

    VOTA:
    4.3/5 su 5 voti