Crema ai funghi

Crema ai funghi

Tempo:
1 h e 15 min
Difficoltà:
Facile
Porzioni:
4 Persone
Calorie:
175 Kcal/100gr

    La crema ai funghi è una deliziosa zuppa adatta per la stagione invernale, può essere servita come contorno o antipasto in un pranzo speciale o per qualche festa. Di realizzazione molto semplice, occorre un po’ di tempo per la preparazione ma sarete soddisfatti del risultato!

    Ingredienti

    Ingredienti Crema ai funghi per quattro persone

    • 400 gr di Champignon
    • 30 gr di burro
    • 2 nasellini surgelati
    • Uno spicchio d’aglio
    • Olio extravergine di oliva
    • Pepe
    • 30 gr di funghi porcini secchi
    • 30 gr di farina
    • 1 litro di brodo vegetale
    • Erba cipollina
    • Sale

    Ricetta e preparazione

    Come fare la Crema ai funghi

    Mettete i funghi porcini secchi in ammollo in acqua tiepida in modo che vengano coperti del tutto.

    Prendete un pentolino e fate sciogliere il burro, aggiungete la farina e fate tostare.

    Diluite con mezzo litro di brodo caldo e fate bollire tutto e cuocete per altri 10 minuti mescolando molto spesso.

    In un altro pentolino lessate i nasellini e fateli cuocere circa 10 minuti, poi pulite i pesci, eliminate la pelle e tutte le lische e mettete la polpa in un piattino.

    In un tegame mettete l’olio e uno spicchio d’aglio, versate gli champignon tagliati a fettine, tritate i funghi secchi che avevate messo in acqua e aggiungeteli nel tegame con sale e pepe, cuocete a fuoco dolce per circa 10 minuti.

    Frullate tutti i funghi insieme al fondo di cottura, alla polpa di nasello e al brodo rimasto.

    Aggiungete anche 1 cucchiaio dell’acqua dove avevate messo a mollo i funghi porcini secchi, frullate fino a ottenere una crema omogenea.

    Versate questa crema in una casseruola, regolate di sale, aggiungete un po’ di erba cipollina o di prezzemolo e cuocete per altri 5 minuti.

    Servite la crema ai funghi in ciotoline monoporzione, decorate con un filo d’olio e qualche fogliolina di prezzemolo.

    Foto di Paolo Piscolla

    VOTA:
    4.6/5 su 4 voti