Crostata meringata

Crostata meringata

Tempo:
1 h e 30 min
Difficoltà:
Media
Porzioni:
6 Persone
Calorie:
377 Kcal/Porz

    La crostata meringata è un dolce sfizioso che unisce la dolcezza della crema pasticcera al limone con la croccante meringa all’italiana. Questa ricetta potrebbe avere origini anglosassoni, conosciuta anche con il nome di Key Lime Pie, una torta buonissima e molto scenica che prevede l’utilizzo del lime al posto del limone. Questa torta, essendo molto bella, è adatta anche per le occasioni più speciali, come feste comandate, ricorrenze, anniversari e compleanni.

    Ingredienti

    Ingredienti Crostata meringata per sei persone

    • 1 dose di pasta brisée confezionata
    • 3 albumi
    • 1 limone non trattato (scorza + succo)
    • 300 g crema pasticcera
    • 100 g zucchero

    Ricetta e preparazione

    Come fare la Crostata meringata

    Accendete il forno a 220° e foderate uno stampo per crostate con la carta da forno, oppure distendetevi direttamente la pasta brisée con la carta da forno compresa nella confezione.

    Quando il forno sarà caldo, infornate la pasta, dopo aver disposto sulla sua superficie dei legumi secchi per non farla gonfiare.

    Cuocetela per circa 25-30 minuti.

    Mentre la pasta brisée cuoce, dedicatevi alla farcia: mescolate alla crema pasticcera già pronta e ancora calda, il succo e la scorza grattugiata del limone, facendo attenzione a non arrivare alla parte bianca della buccia che renderebbe amara la crema.

    Poi montate a neve ferma gli albumi con lo zucchero e mescolatene la metà alla crema al limone, per renderla più soffice.

    Accendete il forno a 140°.

    Quando la pasta brisée sarà cotta e intiepidita, riempitela con la crema al limone e livellatela.

    Trasferite gli albumi montati rimanenti in una tasca da pasticcere con bocchetta a stella e coprite la superficie con tanti riccioli disposti a cerchi concentrici.

    Passate la torta nel forno per 5 minuti e poi proseguite per altri 5 minuti solo con il grill.

    Infine sfornatela e fatela intiepidire, prima di servirla.

    Foto da Gerik Parmele

    VOTA:
    4.6/5 su 4 voti