Ziti al sugo

    photo-full
    E si esistono anche "finte" ricette. Ma non posso sfidare i napoletani depositari di una loro tradizionale ricetta famosa in tutto il mondo e che ha ispirato scrittori come Eduardo De Filippo. E allora per non creare dispute culinarie preferisco definirlo "finto" anche se il termine "ragù" deriva dal termine francese ragôut, sostantivo derivato da ragoûter - risvegliare l'appetito, utilizzato per indicare una salsa a base di pomodoro e carne. Questa ricetta la possiamo definire "sorella minore" di quello partenopeo, ma non per questo è meno gustosa. Per la pasta personalmente compro gli ziti (qualcuno li chiama zite) interi e per poi spezzarli. Può essere anche un piatto unico utilizzando la carne come secondo piatto.

    Preparazione

    in un ampio tegame fate indorare la cipolla in un pò d'olio extravergine e la carne. Quando la carne si sarà rosolata aggiungete il pomodoro pelato passato al mulinello, il basilico e il sale.

    Fate cuocere a fuoco bassissimo e con il coperchio.
    Intanto lessate gli ziti spezzati in abbondante acqua salata. Scolate al dente ed unite la pasta al sugo ben cotto (sarà pronto quanto la carne si staccherà facilmente dagli ossi). Servite con una manciata di formaggio aggiungendo i pezzi di carne.

    Vino consigliato: rosso tipo Aglianico

    Speciale Natale

    VEDI ANCHE
    TOP VIDEO
    RICETTE PIU' POPOLARI