Fave a coniglio

    Fave a coniglio
    Tempo:
    2 h e 30 min
    Difficoltà:
    Facile
    Porzioni:
    6 Persone
    Calorie:
    296 Kcal/Porz
    La ricetta delle fave a coniglio è di origine contadina, si tratta di un antico piatto della cucina siciliana tradizionale, è quello che si dice un piatto povero ma dal gusto ricco, un contorno saporito, con pochi ingredienti, che potete considerare un piatto unico vegetariano, anche una zuppa, che sceglierete voi se tenere più o meno asciutta. In ogni caso un piatto che amerete per la sua semplicità, il suo profumo e la tenerezza delle fave, una ricetta facile che è possibile preparare con il legume secco o con le fave verdi fresche o surgelate, con le quali il procedimento sarà più rapido.

    Ingredienti

    Ingredienti Fave a coniglio per sei persone
    • 500 gr di fave secche
    • 1 spicchio d’aglio
    • 2 cipollotti
    • 1 l d’acqua
    • olio d’oliva q.b.
    • sale e pepe q.b.
    • 1 foglia di alloro
    Ricettari correlati Scritto da

    Ricetta e preparazione

    Come fare le Fave a coniglio

    fave a coniglio

    1. Lavate le fave e lasciatele in ammollo per almeno 12 ore.
    2. Tritate l'aglio e tagliate grossolanamente il cipollotto.
    3. Scolate la fave, mettetele in una pentola capiente con l'acqua fredda già salata, l'aglio e la salvia.
    4. Portate ad ebollizione e fatele cuocere per circa 2 ore e mezzo a fuoco basso.
      Consiglio:

      Assaggiate le fave prima di considerare la cottura finita, in ogni caso dalle due ore di cottura in poi, devono essere belle tenere e sciogliersi in bocca.

    5. A metà cottura aggiungete anche i cipollotti.
    6. Quando le fave saranno ben tenere e l'acqua si sarà asciugata fino a formare un sughetto, servitele con pepe macinato al momento e un filo d'olio a crudo.
      Variante:

      Se volete rendere il piatto più succulento, potete far dorare i cipollotti in un tegame e quando le fave saranno pronte farle insaporire per qualche minuto.

     

    Origini

    In dialetto siciliano vengono chiamate favi a cunigghiu, dove questo termine indica il fatto che nella tradizione contadina venivano servite in un unico piatto, dal quale i commensali prendevano le fave con pollice, indice e medio e, con gli incisivi, estraevano la fava dalla buccia, proprio come fanno i conigli con i semi.
     

    La ricetta con le fave fresche

    Innanzitutto per la ricetta delle fave fresche a coniglio le quantità del legume dovranno essere diverse, considerate 250 grammi a testa. Estraete le fave dal baccello mantenendo in ciascuna la pellicina. In un tegame capiente fate rosolare l’aglio e il cipollotto con l’olio, unite le fave, l’acqua, il sale e lasciatele cuocere per circa 20 minuti coperte. Quindi scoprite e portate a cottura in altri 10 minuti fino a far restringere il sughetto. Infine servite sempre con altro olio a crudo e pepe.
     

    Vino consigliato

    Per questa ricetta delle fave a coniglio vi suggeriamo l'Etna Bianco, un vino siciliano dal colore giallo paglierino brillante con marcati riflessi verdolini. Il sapore è secco e morbido, caldo di alcol e fresco di acidità, il corpo equilibrato e rotondo.
     

    Altre ricette di contorni con le fave

     
     

    Foto di simona scaduto

     
     
     
     
     
    RICETTE PIU' POPOLARI
    DALLA CUCINA