Marmellata di albicocche e zenzero

Marmellata di albicocche e zenzero

Tempo:
1 h e 15 min
Difficoltà:
Facile
Porzioni:
8 Persone
Calorie:
210 Kcal/100gr

    La marmellata di albicocche e zenzero, ricetta che permette di ottenere una conserva di frutta particolare e caratterizzata da un retrogusto leggermente piccante, deve il segreto del suo successo all’abbinamento ben collaudato tra tali frutti e la spezia in questione. Con la marmellata di albicocche e zenzero si può dar vita ad una serie infinita di dolci, tra i quali un’ottima crostata adatta alla colazione o all’ora del tè. Tra le ricette delle marmellate questa ha una marcia in più: provatela alla prima occasione utile e ricordate come possa diventare, all’occorrenza, un valido dono per amici e parenti.

    Ingredienti

    Ingredienti Marmellata di albicocche e zenzero per otto persone

    • 600 gr di zucchero semolato

    Ricetta e preparazione

    Come fare la Marmellata di albicocche e zenzero

    Prima di iniziare la preparazione effettuate una selezione accurata della frutta: scegliete albicocche sode, prive di imperfezioni o ammaccature e ben mature ma non sfatte.

    Lavate bene le albicocche con abbondante acqua fredda corrente.

    Eliminate il peduncolo e tagliatele a metà con un coltello per prelevare il nocciolo all’interno.

    Tagliatele a pezzi non troppo grandi ma delle stesse dimensioni per favorire una cottura uniforme.

    Trasferiteli in una pentola capiente e dal fondo spesso.

    Accendete la fiamma e portate a bollore il composto.

    Raggiunto il punto di ebollizione aggiungete lo zucchero semolato e la radice di zenzero grattugiata finemente.

    Calcolate, a partire da questo momento, 45 minuti di cottura su fiamma bassa.

    Mescolate spesso il composto con un cucchiaio di legno per evitare che si attacchi sul fondo.

    Effettuate la prova del piattino e proseguite la cottura di qualche minuto nel caso in cui il composto risulti ancora troppo liquido.

    In questa fase della preparazione potrete scegliere se frullare il composto o mantenere la marmellata più rustica grazie ai pezzetti di frutta.

    Adesso spegnete la fiamma e trasferite la marmellata ancora bollente nei vasetti di vetro appositamente sterilizzati.

    Avvitate bene i tappi e capovolgeteli per facilitare la creazione del sottovuoto.

    Fateli raffreddare quindi trasferiteli in dispensa.

    Varianti

    Una variante particolarmente apprezzata è costituita dalla marmellata di albicocche e cannella. Per ottenerla seguite le istruzioni che trovate sopra sostituendo semplicemente la cannella, che non andrà grattugiata ma unita da macinata, allo zenzero.

    Altra particolare versione di questa confettura è la marmellata di albicocche e lavanda. Procuratevi una ventina di spighe della pianta, quindi lasciatele in infusione in acqua calda per almeno 40 minuti. A questo punto potrete unire, filtrandolo, il liquido ottenuto e procedere come di consueto.

    Ancora più sfiziosa è, però, la marmellata di albicocche e mandorle. Aggiungetene 100 gr a filetti o tritate al composto a fine cottura: ne apprezzerete la croccantezza ad ogni morso.

    Conservazione

    La marmellata di albicocche e zenzero si conserva in dispensa per circa 3-4 mesi, a patto che la creazione del sottovuoto sia avvenuta correttamente.

    Una volta aperto il vasetto, però, trasferitelo in frigo e consumatene il contenuto nel giro di 4 giorni.

    Photo by Alessandra Scandella / CC BY

    VOTA:
    4.8/5 su 2 voti