Pasta con i ricci di mare

Pasta con i ricci di mare

Tempo:
50 min
Difficoltà:
Facile
Porzioni:
6 Persone
Calorie:
150 Kcal/100gr

    La pasta con i ricci di mare è una ricetta perfetta per esaltare il gusto del pesce all’interno di un primo piatto. I ricci con semplicità e bontà esaltano infatti il profumo del mare, garantendo tutto il sapore del Mediterraneo. Per questa ricetta vi consigliamo di utilizzare solo ricci di mare freschi, riconoscibili dai tipici toni del marrone, rossiccio e violaceo che accompagnano gli spicchi arancioni disposti spesso a raggio. Per facilitare il processo di preparazione del piatto, vi suggeriamo di acquistare i ricci interi e già puliti così da risparmiare fatica e avere la sicurrezza di non sbagliare nel trattarli. Vediamo insieme come fare!

    Ingredienti

    Ingredienti Pasta con i ricci di mare per sei persone

    • 600 grammi di spaghetti
    • 2 spicchi d’aglio
    • mezzo bicchiere di vino bianco
    • pepe bianco q.b.
    • 60/70 ricci di mare
    • olio extravergine d’oliva
    • sale q.b.
    • prezzemolo q.b.

    Ricetta e preparazione

    Come fare la Pasta con i ricci di mare

    Prima di iniziare a preparare il condimento per la pasta, tagliate i ricci di mare e mettete da parte le uova in una ciotola; vi consigliamo di eseguire questa operazione con estrema delicatezza per evitare che si rompano.

    All’interno di una padella antiaderente, mettete a soffriggere l’aglio tritato (ovviamente privo del germoglio) in abbondante olio bollente. Aspettate qualche minuto fino a quando l’olio non sarà dorato, in seguito aggiungete i ricci e sfumate il tutto con il vino. Togliete la padella dal fuoco e lasciate raffreddare il composto. Intanto mettete a bollire una pentola d’acqua per la pasta.

    E’ possibile realizzare anche la pasta con i ricci di mare e pomodoro, una versione colorata del condimento. Per questa variante è necessario unire i pomodorini all’interno della pentola insieme ai ricci di mare e all’olio: lasciate che la verdura si sciolga a contatto con l’olio e inseguito evitate di sfumare con il vino. Quando il sugo sarà pronto, lasciatelo raffreddare.

    Quando l’acqua della pasta raggiunge la temperatura di ebollizione, buttate gli spaghetti e scolateli solo quando saranno al dente. Versate la pasta all’interno di una zuppiera e conditeli con il condimento realizzato in precedenza, scegliendo se utilizzare la versione bianca o rossa. Spolverate tutto con pepe e un bel po’ di prezzemolo tritato.

    Quale pasta scegliere

    Se il dubbio ora è quale pasta scegliere, nessun problema, è possibile prediligere diversi formati. Dai classici spaghetti, sempre adatti e sicuramente apprezzati da tutti, un altro formato classico sono le linguine che in quanto pasta lunga, rappresentano un’ottima alternativa. Per gli amanti della pasta corta suggeriamo invece la calamarata, simile ai paccari ma più corta, che risulta perfetta anche con l’aggiunta di un po’ di melanzane. Per una variante ancora più sfiziosa, il tocco in più è dato dai malloreddus, tipico formato di pasta sarda il cui sapore sposa alla perfezione il gusto dei ricci di mare.

    Foto Hiroko Kasagi e Alberto

    VOTA:
    4.3/5 su 5 voti