Pasta con i tenerumi

Pasta con i tenerumi

Tempo:
1 h e 15 min
Difficoltà:
Facile
Porzioni:
6 Persone
Calorie:
415 Kcal/Porz

    La ricetta della pasta con i tenerumi è un classico della cucina palermitana, si tratta di una minestra estiva, un piatto rinfrescante, ricco di vitamine e sali minerali. A Palermo, chiamano tenerumi i germogli e le foglie tenere della pianta delle zucchine lunghe, chiamate frescherelle, molto tenere che possono arrivare anche a un metro e mezzo di lunghezza, e che non superano i 4/5 cm di diametro. Ci sono zone della Sicilia in cui questo tipo di verdura è sconosciuto. Provate questa minestra, è una vera bontà.

    Ingredienti

    Ingredienti Pasta con i tenerumi per sei persone

    • 4 mazzi di tenerumi
    • ½ kg di pomodori da spellare
    • 6 spicchi d’aglio
    • olio EVO

    Ricetta e preparazione

    Come fare la Pasta con i tenerumi

    pasta con i tenerumi

    Prendete le foglie e i germogli dei tenerumi e immergeteli in abbondante acqua. Ripetete questa operazione fin quando al fondo non vi siano più residui di terra.

    A questo punto cuoceteli in acqua salata per circa dieci minuti. Scolateli con una schiumarola, tagliateli a striscioline e mettete da parte.

    Nell’acqua rimasta lessate la zucchina, spellata e tagliata a cubetti. Tiratela fuori sempre con la schiumarola e tenete anche questa da parte.

    Fate sbollentare i pomodori, pelateli, privateli dei semi e tagliateli a filetti.

    Mettete quindi a soffriggere i sei spicchi d’aglio interi in abbondante olio extravergine d’oliva senza farli bruciare.

    Aggiungete i filetti di pomodoro e fate cuocere per 3 minuti. Regolate di sale e spegnete.

    Unite in un tegame di coccio o pentola antiaderente i tenerumi tritati e i cubetti di zucchina aggiungendo un po dell’acqua usata per lessare la verdura.

    Consiglio:

    L’acqua restante mettetela a bollire su un altro fornello perché potrebbe servirvi per terminare la cottura.

    Quando le verdure avranno raggiunto il bollore calate la pasta e un paio di minuti prima che termini la cottura unite i pomodori bollenti, il basilico e il pepe nero (o il peperoncino secondo i vostri gusti).

    Servite la minestra calda, o se preferite tiepida, con un pò d’olio a crudo.

    Origini della pasta con i tenerumi

    L’origine di utilizzare i tenerumi come condimento per la pasta è probabilmente ragusana o della cucina siciliana orientale, ma è nel palermitano che la ricetta si è affinata ed evoluta fino a diventare una prelibatezza unica.

    Nella pianta della frescherella ci sono dei rami portanti (sono verdi e teneri), dai quali si sviluppano le zucchine, e da questi nascono altri gettiti più teneri che si raccolgono quando hanno da sei a dieci foglie larghe verdi scure e vellutate, tenerissime, che sono appunto i tenerumi. Queste foglie, i tenerumi, possono dare la sensazione di maneggiare delle pezze, non solo quando si cucinano ma anche nel momento in cui si lavano, perchè producono una caratteristica schiuma.

    Curiosità

    A questa zuppa di zucchina lunga e foglie di tenerumi si aggiunge come abbiamo visto del pomodoro fresco saltato in padella con l’aglio e questo tipo di preparazione è detto pomodoro a picchi pacchi. Il formato di pasta che accompagna questa minestra è rigorosamente lo spaghetto spezzato!

    Foto di Jean-Michel Gobet

    VOTA:
    4.4/5 su 6 voti

    Speciale Natale