Speciale Natale

Tante ricette da condividere con amici e parenti per trascorrere le feste in allegria

Pepatelli teramani o mbepetielle

    photo-full
    Tempo:
    50 min
    Difficoltà:
    Facile
    Porzioni:
    4 Persone
    Calorie:
    730 Kcal/Porz
    I pepatelli teramani sono dei dolci tipici della cucina abruzzese, chiamati anche mbepetielle o papatìlle, tradizionalmente preparati in ogni famiglia durante il periodo di Natale e fino all'arrivo della Befana. C'è da dire che anche il Molise vanta una tradizione di preparazione di questi biscotti, ma mi viene da dire ''ovviamente'', visto che per molti anni queste due regioni sono state accorpate e considerate come una unica regione. L'impasto dei pepatelli prevede miele, frutta secca e farina integrale, e poi una abbondante manciata di pepe nero, dal quale deriva appunto il nome di questi pasticcini secchi. Mi raccomando non confondete i pepatelli con i cantucci, che seppur aventi negli ingredienti mandorle e miele, sono evidentemente tutta un'altra cosa.

    Preparazione

    pepatelli teramani

    1. Lava l'arancia e grattugiane la scorza.
      Consiglio:

      Attenzione a non prelevare la parte bianca perchè è amara.

    2. In un tegame fai sciogliere il miele a fuoco lento, quando è molto caldo ed è sul punto di bollire unisci le mandorle, la scorza di arancia, il pepe e in ultimo la farina.
    3. Mescola bene per fare incorporare gli ingredienti con l'aiuto di una spatola di legno, poi togli dal fuoco.
    4. Versa il composto in una teglia rettangolare e fallo arrivare a circa 3 cm di spessore.
    5. Lascialo raffreddare e poi procedi a tagliarlo in tanti rettangoli da circa 5 cm per 1.
    6. Metti i pepatelli su una teglia leggermente imburrata e cuocili in forno preriscaldato a 170 gradi per 15 minuti.
    7. Sforna e fai raffreddare prima di servire o conservare in un barattolo di vetro.
      Consiglio:

      Se vuoi rendere i pepatelli più croccanti puoi rimetterli nel forno caldo, ma spento, per qualche altro minuto.

    Foto di Paolo Piscolla