Pesto alla genovese

  • Commenti (9)
  • Condividi
  • Email
  • Stampa

Pesto alla genovese

Ricetta pesto alla genovese – Il pesto è la più tipica ricetta della cucina genovese. Seguendo la tradizione deve essere preparato usando il mortaio, ma oggigiorno quasi tutti usano attrezzi più avanzati dal punto di vista della tecnologia. In questo articolo vi proponiamo tre diverse maniere per prepararlo, utilizzando differenti utensili. Importante è poi scegliere la giusta pasta da condire con il pesto; le scelte classiche sono: le “trenette“, gli gnocchi di patate, le troffiette di Recco, le lasagne all’uovo. Di solito si lessano assieme alla pasta da condire con il pesto fagiolini verdi piccoli, e fette di patate.

  • Pesto alla genovese con il mortaio
  • Lasagne al forno con il pesto
  • Lasagne al pesto
  • Trofie Recco al pesto
  • Gnocchi di patate con il pesto

Ingredienti per il pesto alla genovese (dosi per 8 persone)

  • 100 gr di foglie di basilico lavate e delicatamente asciugate
  • 2 spicchi di aglio
  • 50 gr di pinoli
  • 30 gr di pecorino grattugiato
  • 70 gr di parmigiano grattugiato
  • 200 gr olio extra vergine di oliva
  • sale grosso q.b.

Preparazione
Vi proponiamo tre diversi modi per preparare il pesto, usando diversi utensili.

Usando un robot da cucina o tritatutto elettrico

Mettete nel vaso del robot da cucina prima i pinoli e l’aglio tagliato a fettine e tritateli un pochino. Poi aggiungete il basilico, tritate ancora ed alla fine aggiungete anche il formaggio. Consiglio di fermare frequentemente il robot, e rimescolare il tutto per ottenere un trito omogeneo ed abbastanza fine.

Versate il trito in una ciotola, salatelo ed aggiungete olio d’oliva rimescolando fino ad ottenere una salsa piuttosto densa.

Non versate l’olio nel frullatore per favorire la tritatura, perchè otterreste un frullato non il pesto.

Usando il mortaio e la mezzaluna o il tritatutto elettrico

Questo modo è un buon compromesso per avere la cremosità dei pinoli pestati ed il basilico tritato finemente.

Mettere nel mortaio i pinoli e l’aglio tagliato a fettine e pestateli fino ad ottenere un impasto omogeneo.

Tritate con la mezzaluna o con il tritatutto il basilico assieme al formaggio.
Mettete in una ciotola l’impasto di pinoli e aglio e il trito di basilico e formaggio, salatelo ed aggiungete olio d’oliva rimescolando fino ad ottenere una salsa piuttosto densa.

Usando il mortaio

Mettere nel mortaio i pinoli e l’aglio tagliato a fettine e iniziate a pestare.
Piano piano aggiungete le foglie del basilico e un po’ di sale grosso, e continuate a pestare fino ad ottenere un impasto omogeneo.

Mettete in una ciotola il pestato ed il formaggio, ed aggiungete olio d’oliva rimescolando fino ad ottenere una salsa piuttosto densa.

Al momento di condire la pasta diluite il pesto con qualche cucchiaio di acqua di cottura della medesima, e servite accompagnando con altro grana grattugiato.

Il pesto si conserva in frigo diversi giorni, se messo in un barattolo e coperto completamente con l’olio.

È anche possibile surgelarlo, in questo caso consiglio di usare poco olio e poco formaggio.

Mar 20/05/2008 da

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Perla 29 maggio 2008 12:05

Ciao… sapreste darmi la ricetta per il pesto di pistacchi?
grazieee

Rispondi Segnala abuso
GIeGI
GIeGI 29 maggio 2008 14:33

Quello non lo conosco
Invece io faccio, semrpe con il mortaio, una salsa a base di pinoli e maggiorana, molto buona e originale
http://www.buttalapasta.it/articolo/ricetta-della-salsa-di-pinoli/2924/

magari potresti prendere spunto da questa, ma sostituendo la maggiroana con un’erba più delicata
Se fai qualche esperimento, poi potresti pubblicarlo
Ciao

Rispondi Segnala abuso
Gigetto 30 agosto 2008 21:53

sono felice di entrare nella vostra rubrica di cucina

Rispondi Segnala abuso
Gigetto 30 agosto 2008 22:02

Ciao. di solito io faccio il pesto con il frullatore mettendo tutti i componenti giusti. Ma ho riscontrato un problema mi si forma in superfice dopo l’invasamento una pattina leggermente oscura, mi potete dire il perchè. Grazie

Rispondi Segnala abuso
GIeGI
GIeGI 31 agosto 2008 11:45

Quello succede un pochino in ogni cas, è semplicemente l’ossidazione delle foglie. COmunque se ricopri per bene con l’olio dovrebbe ridursi al minimo.

Segnala abuso
Valeria 8 dicembre 2008 10:16

per fare un buon pesto si deve avere l’accortezza che tutti gli ingredienti siano a temperatura ambiente!poi altro punto è questo :tostare i pinoli !dopodichè si frulla il tutto .questo è un consiglio che mi ha elargito mio cugino che è uno chef tre stelle.ciao a tutti

Rispondi Segnala abuso
Waly
Waly 6 dicembre 2009 18:08

Devo provare assolutamente questa ricetta!! di sicuro sarà buonissima! e soprattutto devo usare le foglioline piccole del basilico (cosa che prima non facevo). Grazie!!

Rispondi Segnala abuso
Sally29 8 dicembre 2009 15:37

Mi hanno insegnato che, per non fare “annerire” il pesto occorre usare il sale grosso, anziché quello fino.
Spero sia utile… ;-))

Rispondi Segnala abuso
12 dicembre 2010 15:17

ok raga ho capito cm si fa il pesto!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Rispondi Segnala abuso
Seguici