Pizza Margherita

Pizza Margherita

Tempo:
2 h e 30 min
Difficoltà:
Facile
Porzioni:
4 Persone
Calorie:
266 Kcal/100gr

    La ricetta della pizza Margherita fatta in casa rappresenta una risorsa sulla quale poter contare in ogni occasione, dalla cena in famiglia con i bambini i quali, come ben sappiamo, la adorano, a quella con gli amici di sempre. La pizza Margherita ha una storia alle spalle, legata all’omonima regina, che forse non tutti conoscono. Pare riproduca i colori della bandiera italiana ovvero il rosso del pomodoro, il bianco della mozzarella ed il verde del basilico (a proposito, non fatelo mai mancare). In quanto alle calorie ed agli ingredienti, la pizza Margherita è una delle più leggere ma attenzione, la ricetta originale napoletana non prevede la mozzarella di bufala, bensì il fior di latte.

    Ingredienti

    Ingredienti Pizza Margherita per quattro persone

    • 500 gr di farina
    • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva
    • acqua tiepida qb
    • 20 pomodori pelati
    • origano secco
    • 25 gr di lievito di birra
    • sale q.b.
    • 400 gr di fior di latte
    • foglie di basilico fresco

    Ricetta e preparazione

    Come fare la Pizza Margherita

    Disponete sul piano di lavoro tutti gli ingredienti necessari per la preparazione della pizza Margherita.

    Pesateli uno ad uno e teneteli a disposizione.

    Fate intiepidire leggermente l’acqua – non fatela bollire – e prelevatene una parte.

    Versatela all’interno di una ciotola.

    Unite al suo interno il lievito di birra e fatelo riposare un paio di minuti, quindi mescolate il tutto per qualche istante in modo da farlo sciogliere.

    Se preferite, anzichè realizzare l’impasto a mano, potete utilizzare un robot da cucina o una planetaria.

    Adesso prendete la farina e setacciatela sul piano di lavoro con un setaccio a maglie fitte.

    Con l’aiuto delle vostre mani create una fontana al centro.

    Versate al centro l’acqua con il lievito mentre, in un angolino, mettete anche il sale.

    Tale accorgimento serve ad evitare che il sale entri a diretto contatto con il lievito inibendone l’azione.

    Iniziate ad impastare unendo, man mano, il resto dell’acqua continuando ad incorporarla agli ingredienti.

    Lavorate energicamente con le mani per 10 minuti circa.

    Una volta ottenuto un impasto sodo ed elastico, modellatelo creando una palla: ungetela con dell’olio in maniera uniforme.

    Ponetela all’interno di una ciotola di vetro molto capiente e copritela con un canovaccio pulito.

    Fate lievitare l’impasto della pizza in un luogo riparato e lontano da correnti d’aria.

    Il tempo di lievitazione previsto è di circa 2 ore: tenete sotto controllo l’impasto.

    Per andare sul sicuro, specie in autunno ed in inverno, potete porre la ciotola contenente l’impasto all’interno del forno spento con la lucina accesa oppure in prossimità, ma non a contatto, di un termosifone acceso.

    Se invece le temperature sono piuttosto alte, come in estate, i tempi necessari per la lievitazione dell’impasto potrebbero ridursi ad un’ora e un quarto o un’ora e 1/2.

    Il consiglio è, in tutti i casi, di verificare il buon andamento della lievitazione per poter intervenire se necessario.

    Trascorso tale lasso di tempo riprendete l’impasto e spolverate un piano di lavoro con della farina.

    Trasferitevi sopra la pasta per pizza ed iniziate a lavorarla per pochi istanti.

    Ricavate due o più porzioni della grandezza desiderata.

    Lavoratele ancora per qualche minuto, quindi create dei panetti e teneteli sul piano di lavoro infarinato, ma ben distanziati tra di loro.

    Fateli lievitare ancora per circa 30 minuti al coperto, sotto ad un panno da cucina pulito.

    Effettuata questa seconda lievitazione, riprendete i panetti ed iniziate a stendere la pasta allargandola con le vostre mani.

    Assicuratevi sempre che il piano sia bene infarinato. In caso unite ancora un po’ di farina per evitare che l’impasto si attacchi su di esso.

    Per rendere più semplice il vostro lavoro ungete le vostre mani con poco olio.

    In alternativa è possibile utilizzare un mattarello di legno.

    Preriscaldate il forno statico a 250°C.

    Passate alla preparazione degli ingredienti necessari per la farcitura.

    Aprite la confezione del fiordilatte, scolatelo di tutto il siero e tagliatelo a cubetti.

    Mettetelo a scolare in un colino posto sopra una ciotola.

    Tagliate a pezzi anche i pomodori pelati e lasciate riposare anche questi in un colino – a parte – per far perdere loro il liquido in eccesso.

    Lavate bene le foglie di basilico e tamponatele delicatamente con un foglio di carta assorbente da cucina.

    Ungete due teglie rotonde di circa 26 cm di diametro con un pennello imbevuto di olio di oliva insistendo bene sui bordi.

    Posizionate al loro interno l’impasto aiutandovi con le dita per rivestirle completamente.

    Ponete sulla pizza i pelati tagliati precedentemente.

    Regolate di sale e spolverate di origano secco: infornate per circa 20 minuti.

    A 3 minuti da fine cottura tirate la pizza fuori dal forno e, con attenzione, ponetela su una griglia.

    Distribuite sopra anche il fior di latte che oramai risulterà bene asciutto.

    Infornate nuovamente per i minuti di cottura rimasti, quindi estraete la pizza dal forno e conditela con un filo di olio extra vergine di oliva.

    Completate con le foglie di basilico fresco e servite la pizza Margherita ben calda.

    Varianti

    La pizza Margherita, oltre ad essere deliziosa al naturale, può rappresentare una base da arricchire in base ai propri gusti: qualche idea?

    Provate la pizza Margherita con patatine, per fare contenti i vostri bimbi, o la pizza Margherita con salsiccia, molto apprezzata dagli uomini.

    Non sottovalutate anche la pizza Margherita con melanzane, per una apprezzata versione vegetariana.

    Photo by Stu_spivack / CC BY

    VOTA:
    4.3/5 su 4 voti