Polpette di orzo perlato

Polpette di orzo perlato

Tempo:
1 h e 45 min
Difficoltà:
Facile
Porzioni:
2 Persone
Calorie:
360 Kcal/Porz

    Le polpette di orzo perlato sono un’ottima ricetta vegana, davvero appetitosa! Gli ingredienti necessari per questa ricetta vegana, facile e squisita, non sono tanti. Essendo polpette senza uova e senza formaggio è inoltre adatta anche agli allergici o intolleranti al lattosio. Queste polpette possono essere proposte sia come antipasto che come aperitivo.

    Ingredienti

    Ingredienti Polpette di orzo perlato per due persone

    • 200 grammi di orzo
    • Una grossa patata
    • Uno spicchio d'aglio
    • 50 grammi di nocciole
    • Erba cipollina
    • 2 cucchiai di farina
    • Olio extra vergine di oliva
    • Una cipolla
    • Un cucchiaio di brodo di verdure
    • Una costa di sedano verde
    • Maggiorana
    • Noce moscata
    • 2 cucchiai di pangrattato
    • sale

    Ricetta e preparazione

    Come fare le Polpette di orzo perlato

    polpette di orzo perlato

    Cuoci l’orzo in una quantità d’acqua pari a tre volte il suo volume, aggiungendo il sale dopo l’ebollizione.

    Trita la cipolla e portala a bollore nel brodo di verdure.

    Lessa la patata e schiacciala quando è ancora calda, per ridurla in purea, con l’aiuto di una forchetta.

    Tosta le nocciole al forno per qualche minuto a 150° gradi e poi tritale finemente.

    Tagliuzza il sedano e l’aglio, se hai una mezzaluna il risultato sarà perfetto.

    Unisci tutti gli ingredienti, aggiungi le spezie e il sale e amalgama bene tutto il composto.

    Miscela in una ciotola dai bordi alti la farina e il pangrattato.

    Prendi un pò di impasto fra le mani e dagli una forma sferica, o allungata.

    Passa più volte le polpette di orzo nel mix di farina e pangrattato in modo da panarle.

    Mettile in una teglia, passaci sopra un filo d’olio e inforna.

    Cuoci nel forno già caldo a 180° gradi per una mezz’oretta.

    Consigli:

    Puoi servire le polpette sia fredde che calde, magari accompagnandole con qualche salsina. Puoi anche cuocerle friggendole nell'olio di oliva.

    Varianti

    L’orzo è tra i più antichi cereali usati come alimento dall’uomo, già 12.000 anni fa. Grandi civiltà ne hanno apprezzato le qualità nutrizionali: ci sono notizie del suo uso in Grecia e Roma antica, ma anche in Egitto. Attualmente non viene usato in maniera massiccia perchè contenendo poco glutine non facilita tanto la panificazione, come al contrario altri cereali più adatti. C’è da ricordare anche che l’orzo è essenziale per produrre la birra. Inoltre si presta particolarmente per la preparazione di numerose insalate, come l’insalata di orzo, tonno e fagiolini o l’insalata di orzo e verdure.

    Foto di lorena stabile

    VOTA:
    4.8/5 su 2 voti