Speciale Natale

Tante ricette da condividere con amici e parenti per trascorrere le feste in allegria

Prosciutto arrosto con prugne e patate novelle

    photo-full
    Tempo:
    50 min
    Difficoltà:
    Facile
    Porzioni:
    4 Persone
    Calorie:
    215 Kcal/Porz
    Un classico della cucina: il prosciutto arrosto. Semplice da allestire e da preprare, in questa versione è accompagnato da un contorno di prugne e patate novelle che lo fanno diventare un secondo piatto molto originale da servire per pranzi o cene importanti ed occasioni di festa.

    Ingredienti

    • 1,5 kg prosciutto cotto per arrosto in 2 tranci
    • 200 g pancetta a fettine sottili
    • 1 kg patate novelle
    • 400 g prugne secche
    • 100 ml vino rosso
    • 2 rametti rosmarino
    • olio d’oliva q.b.
    • sale q.b.
    Ricettari correlati Scritto da

    Preparazione

    prosciutto arrosto con prugne e patate novelle

    1. Accendete il forno a 180° ed ungete una teglia con l’olio.
    2. Fate rinvenire le prugne in acqua per circa 20 minuti.
    3. Avvolgete completamente i due tranci di prosciutto con le fette di pancetta e legateli con del filo da cucina.
    4. Adagiateli nella teglia con il rosmarino e bagnateli con un poco di vino.
    5. Consigli:

      A piacere potete aggiungere della salvia.

    6. Fateli cuocere per 30 minuti, aggiungendo di tanto in tanto con il restante vino. Se dovesse imbrunirsi troppo, coprite il prosciutto con la carta d’alluminio.
    7. Dopo 10 minuti di cottura aggiungete al prosciutto le patate novelle lavate.
    8. Salate e aggiungete un po’ d'olio.
    9. Dopo altri 10 minuti unite anche le prugne scolate dall’acqua.
    10. Prima di terminare la cottura, assicuratevi che le patate siano cotte ma non sfatte e le prugne morbide e non bruciacchiate.
    11. Per servire la preparazione, eliminate il filo dai tranci e tagliateli a fette di 1-2 cm.
    12. Adagiatele su un vassoio da portata e contornatele di patate e prugne, bagnando il tutto con il fondo di cottura filtrato.

     
    Foto di Gary Hadden