Rosolio all’arancia

    photo-full
    Il rosolio, definito per eccellenza il "liquore per signore" e tipico del Sud, sembra che sia nato durante il Regno delle Due Sicilie. Le massaie preparavano questo antichissimo liquore con petali di rose, agrumi, miele, cannella, fiori d'arancio ed altro ancora. Veniva servito in occasioni "speciali" e, principalmente, durante i matrimoni e per accompagnare dolci. La gamma dei rosoli è molto vasta e il suo colore varia secondo gli ingredienti utilizzati per questo squisito liquore casalingo da "salotto". Veniva servito in bicchieri piccolissimi di cristallo per far ammirare i suoi riflessi. Per padrone di casa era anche l'occasione per sfoggiare i loro "pizzi e merletti" rigorosamente fatti a mano. La ricetta che vi proponiamo è all'arancia, ma potete realizzarla anche con altri tipi di frutta come limoni o mandarini.

    Preparazione

    per questo liquore dovreste utilizzare arance non trattate con conservanti chimici, le cosiddette arance di "giardino". In un barattolo di vetro con chiusura ermetica mettete le bucce delle arance e l'alcool. Fatele macerare per 40 giorni.

    Trascorso il tempo preparate uno sciroppo con lo zucchero e l'acqua. Quando il liquido diventerà trasparente unite le bucce d'arancia e l'alcool. Lasciate riposare il liquore per un paio di giorni, filtratelo e conservatelo in bottiglie di vetro con il tappo in un luogo fresco ed asciutto. Sarà pronto dopo circa due mesi.

     
     
     
     
     
     
    RICETTE PIU' POPOLARI