NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Scroccafusi marchigiani

    photo-full
    Tempo:
    30 min
    Difficoltà:
    Facile
    Porzioni:
    6 Persone
    Calorie:
    243 Kcal/Porz
    Gli scroccafusi sono il dolce tipico delle Marche, e principalmente del Maceratese e che viene preparato per Carnevale. Il loro nome varia da zona in zona ad esempio ad Arquata del Tronto vengono chiamati "stummeri" mentre ad Osimo si chiamano cecetti . Molto probabilmente l'etimologia di scroccafusi nasce dal rumore che fanno i denti per mangiarli essendo abbastanza duri. Un tempo venivano cotti nel forno a legna utilizzando esclusivamente legno di canna per ottenere una fiamma moderata e quindi evitare che potessero bruciare. Per un'antica superstizione maceratese, se un estraneo, o anche un futuro parente, fosse entrato in cucina mentre la massaia era intenta a preparare gli scroccafusi, questi dolci non sarebbero riusciti bene. Questi buonissimi dolci di Carnevale possono essere preparati anche fritti.

    Ricetta e preparazione

    scroccafusi marchigiani

    Preparazione

    1. In un' ampia ciotola amalgamate bene tutti gli ingredienti, dal composto ottenuto ricavate tante palline grandi come una noce.
    2. Immergertele in abbondante acqua bollente e appena salgono a galla scolatele.
    3. Friggetele successivamente in abbondante olio o strutto non troppo caldo.
    4. Appena gli scroccafusi saranno cotti e belli dorati ricopriteli di miele.
    5. Se invece preferite la cottura nel forno dopo averli tolti dall'acqua bollente è necessario asciugare gli scroccafusi con molta delicatezza, sistemarli sulla lastra unta del forno e farli cuocere per circa 30 minuti a 180 gradi.
    6. Consiglio:

      appena cotti spolverizzate con lo zucchero a velo e spruzzateli con un po' di rhum

      Vino consigliato: vermouth bianco o Strega

     

    Foto da la buona cucina di katty

     
     
     
     
     
    RICETTE PIU' POPOLARI