Torta di riso dolce (torta degli addobbi)

    photo-full
    Una ricetta emiliana per una delicata torta a base di riso, arricchita con mandorle e cedro candito, e completata con del liquore. Questa torta è detta anche “torta degli addobbi”, visto che era tradizione prepararla a Bologna proprio per la festa degli “addobbi”.

    Ingredienti

    • 300 g. di riso (non da risotti)
    • 1,5 litri di latte
    • 250 g. di zucchero
    • 100 g. di cedro candito (preferibilmente intero e non venduto già tagliato)
    • 100 g. di mandorle sgusciate e pelate
    • 4 uova
    • 1 limone biologico
    • 1 bustina di vanillina
    • burro q.b.
    • pangrattato q.b.
    • sale q.b.
    • liquore dolce q.b.
    Ricettari correlati Scritto da Babette

    Preparazione

    Versate il latte in una casseruola, unitevi un pizzico di sale (un po’ di sale ci vuole sempre anche nei dolci) e portate ad ebollizione, poi unite metà dello zucchero ed il riso e cuocetelo, fino a che il latte non sarà assorbito quasi del tutto. Lasciatelo raffreddare completamente.

    Tagliate il cedro a dadini minuscoli, e tritate grossolanamente le mandorle.

    Frullate i rossi delle uova con l’altra metà dello zucchero fino ad ottenere un composto spumoso e biancastro, uniteli al riso, e poi aggiungete la scorza del limone grattugiata, la vanillina, il cedro, le mandorle, e gli albumi montati a neve ben soda.

    Amalgamate il tutto per ben, cercando di non smontare gli albumi.

    Preriscaldate il forno a 160 gradi. Imburrate una teglia, spargetevi sopra il pangrattato, ed eliminate l’eccesso. Versate l’impasto nella teglia e cuocetelo per un’oretta. Fate raffreddare.

    Bucherellate quindi la torta di riso dolce con una forchetta, e poi bagnatela con il liquore (3 o 4 cucchiate dovrebbero bastare). Lasciatela riposare almeno per una notte.

    Al momento di servire, tagliate la torta di riso dolce a losanghe e deponetela su un piatto di servizio.

    Foto da www.bolognacookingschool.com, www.ebay.it, www.facogel.it

    Torta dolce di riso