Le castagne bollite sono una delle specialità che è possibile preparare soprattutto nel mese di ottobre, uno degli ultimi mesi dell’anno in cui è possibile trovarle nei mercati.
Le castagne sono un ottimo frutto che non dovrebbe mancare nella nostra alimentazione, perchè ricco di elementi nutritivi e davvero gustosissimo! In questa ricetta vi proponiamo un modo semplice e pratico per prepararle comodamente a casa, per ottenere delle castagne bollite buonissime, morbide e facili da sbucciare.

Ingredienti

  • 1 kg di castagne
  • 2 foglie di alloro
  • 6 semi di finocchio
  • sale q.b.

Preparazione

  1. Versate le castagne crude in una pentola dai bordi molto alti, riempite tutto con acqua fredda così da coprire la superficie costituita dalle castagne per almeno 3 centimetri, aggiungete le foglie di alloro, i semi di finocchio e infine il sale.

  2. La cottura dipenderà dalla grandezza delle castagne: se le castagne sono piccole basterà mezz’ora; saranno necessari 40 minuti se sono medie mentre, se avete tra le mani delle castagne di dimensioni molto grandi, potrebbe essere anche necessario protrarre il tempo di cottura fino ad un’ora o anche più.

  3. Non appena cotte, scolate le castagne bollite con la buccia e avvolgetele in un panno asciutto e ben pulito, successivamente procedete a sbucciarle quando ancora calde, perché più semplice. Scegliete di consumare al naturale le castagne oppure di utilizzarle come come base per torte, dolci, secondi piatti, etc…

Castagne bollite con la pentola a pressione

E’ possibile preparare anche le castagne bollite con la pentola a pressione in maniera semplice e veloce. Lavate accuratamente le castagne, asciugatele e fate una leggera incisione con un coltello. Successivamente ponetele nella pentola a pressione e copritele con abbondante acqua fredda; chiudete quindi per bene il coperchio e le valvole. Accendete quindi la fiamma del fornello e fate cuocere fino a quando la pentola non emette il fischio, da questo momento calcolate altri 20 minuti di cottura, successivamente spegnete la fiamma, fare fuoriuscire il vapore ed aprire la pentola.

Castagne al latte

Le castagne al latte rappresentano un tipico piatto povero delle regioni appenniniche del Paese, che di solito veniva servito come cena.

Oggi, tralasciando per un po’ la tradizone culinaria dell’antichità, è possibile realizzare questa ricetta in maniera un più sostanziosa, aggiuingendo zucchero e vaniglia scegliendo di servire questa pietanza come dessert o come una colazione energetica. Senza coloranti ed aromi artificiali, questo piatto è perfetto da servire ai nostri bambini, vediamo insieme come fare!

Ingredienti

  • 1 kg di castagne fresche
  • 1 litro di latte
  • mezza bacca di vaniglia
  • zucchero q.b.
  • 1 pizzico di sale

Preparazione

  1. Iniziate a pulire le castagne fresche, eliminate la buccia legnosa, lessatele e provvedete a togliere anche la pellicina marrone mentre sono ancora calde. E’ possibile utilizzare anche le castagne secche, in questo caso lasciatele in ammollo direttamente nel latte per 3 o 4 ore.

  2. Versate quindi le castagne all’interno di una pentola e successivamente aggiungete il latte. Lasciate cuocere il latte con le castagne, unite il sale e la vaniglia mescolando di tanto in tanto.

  3. Questo procedimento è identico sia se usate le castagne fresche che secche: nel primo caso cuocete per una decina di minuti, mentre nel secondo procedete con la cottura fino a che si disfino. Aggiungete lo zuccherate a piacere, esagerate o meno a seconda dei vostri gusti personali.

  4. Potete servire questa deliziosa preparazione calda come colazione oppure fredda come dessert. In questo ultimo caso, il nostro suggerimento è di completare il tutto con della buonissima crema Chantilly!

Foto di Claudio58

TOP VIDEO
RICETTE PIU' POPOLARI
DALLA CUCINA