Ricette pasta: calamarata

calamarata

La calamarata è un tipo di pasta, in pratica dei grossi anelli, e la ricetta tradizionale prevede di servirla con un sugo a base appunto di calamari o altri cefalopodi tagliati anch’essi ad anelli. Si avrà quindi un piatto di anelli, di pasta e di pesce, bello da vedere, ma anche molto saporito, con il suo sughetto a base di pomodoro.
Aumentando un pochino la quantità di pesce, può diventare un piatto unico.

Ingredienti (dosi per 4 persone)

  • Calamari piccoli 600 g. (in mancanza dei calamari potete usare anche dei totani)
  • Una cipolla bianca
  • Polpa di pomodoro a pezzetti 400 g. (potete usare anche pelati triturati grossolanamente)
  • Un bicchiere abbondante di vino bianco secco
  • Pasta calamarata 380 g.
  • Olio d’oliva q.b.
  • Sale q.b.

Preparazione

Chiedete in pescheria se possono pulire per voi i calamari. Lavateli, e controllate che il “becco” (che si trova al centro dei tentacoli) e la “penna” cartilaginea (che si trova all’interno della sacca) siano stati eliminati. Tagliate le sacche ad anelli alti circa 2 cm. ed i tentacoli a pezzetti. La ricetta orginale richiederebbe di utilizzare solamente le sacche per avere un piatto che contiene solo “anelli”, ma io preferisco usare anche i tentacoli.
Affettate finemente la cipolla e mettetela in un capace tegame con tre cucchiai di olio, e fatela rosolare aggiungendo un po’ di acqua di tanto in tanto.
Buttate i calamari nel tegame, fateli rosolare brevemente a fuoco vivo, poi bagnate con il vino e fatelo evaporare.
Versate la polpa di pomodoro nel tegame, salate e fate cuocere circa una ventina di minuti (il tempo dipende da quanto erano grossi i calamari).
Cuocete la pasta in abbondante acqua salata, scolatela e versatela nel tegame con il sugo di calamari. Fate saltare la pasta per qualche minuto, e servitela aggiungendo un filo di olio crudo.

Lun 21/04/2008 da

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Mimmo 21 maggio 2009 00:49

Ma dove si è visto mai??? la cipolla??? hahahahaha
l’glio ci vuole!!!! il pesce con la cipolla…. hahahahaha, troppo bello.
E il prezzemolo??? mai vista una calamarata senza prezzemolo. E manca pure un tocco di peperoncino.

Rispondi Segnala abuso
12 aprile 2011 16:25

e fosse solo cipolla e senza prezzomolo??? nn ho mai visto un ricetta di pesce con i pelati o i pezzettoni!!!! BLAAAAAA, le cose di mare si usano i pomodorini freschi

Segnala abuso
GIeGI
GIeGI 21 maggio 2009 09:35

Abbiamo avuto questa ricetta da un ristorante di Ischia dove per la prima abbiamo gustato la calamarata, ci era piaciuta e la abbiamo rifatta. Se tornero’ ad Ischai andro’ a discutere con quel ristoratore

Rispondi Segnala abuso
Silvana 10 agosto 2009 17:14

io nella calamarata agiungo anche i ceci metà frullati metà interi .Li ho mangiati in un ristorante ,è stato un vero successo ,provatela è veramente buona

Rispondi Segnala abuso
Silvana 10 agosto 2009 17:20

io nella calamarata ho agiunto anche i ceci metà frullati metà interi.Li ho mangiati in un ristorante, e devo dire che è stato un vero successo. Sono buonissimi ,provateli,e buon appetito

Rispondi Segnala abuso
GIeGI
GIeGI 12 aprile 2011 19:18

Beh dovendo scegliere tra pomodorini fuori stagione, dalle provenienze molto discutibili, preferiamo i pomodori conservati

Rispondi Segnala abuso
Pollofritto 27 gennaio 2013 19:51

Penso anch’io che non ci va la cipolla, ma l’aglio e che manca il prezzemolo!

Rispondi Segnala abuso
Seguici