Slow Fish 2011: Slow Sushi

Slow Fish 2011: Slow Sushi
  • Commenta
  • Condividi
  • Email
  • Stampa

Slow Sushi

A Slow Fish 2011 abbiamo potuto assaggiare lo Slow Sushi, il modo giusto, pulito ma anche buono di preparare il sushi, e partecipando ad un piccolo laboratorio anche noi abbiamo imparato a scegliere i pesci giusti per il sushi. In fondo il sushi è una serie di tecniche o una serie di ricette che possono essere preparate anche usando in gran parte ingredienti liguri, o italiani, e soprattutto i pesci giusti.

  • slow sushi
  • slow sushi filosofia
  • slow sushi ingredienti
  • slow sushi riso

Alcuni dei pesci usati classicamente per la preparazione del sushi sono decisamente sbagliati, per esempio il tonno rosso che si sta pericolosamente avvicinando al rischio di estinzione, grazie anche alla pesca forsennata per il sushi dei giapponesi. Anche il salmone, usato di frequente per il sushi, è discutibile; infatti sarà pure allevato, ma per produrre 1 kg. di salmone occorre pescare in Sud America, almeno 7 kg. di pesci, e quindi l’impatto sull’ambiente è sempre alto.

Le alternative ci sono e sono ottime lo stesso, alla fine del piccolo laboratorio abbiamo gustato del sushi, la cui preparazione vi mostriamo nella fotogallery, dove i pesci usati erano:
- la palamita, un tonnetto di pesca locale,
- i sugarelli, pesci a polpa bianca, molto economici, visto che per poterli gustare occorre prima eliminare la pelle che contiene una linea di una specie di spine superficiali,
- la leccia stella, pesce dalla carne bianca finissima, e con poche spine facilmente eliminabili.

Tutti questi pesci sono disponibili da pesca locale sostenibile, si trovano freschissimi molte volte a KM. 0 (noi a Noli arriviamo a meno di 100 m.), e sono decisamente economici. Questi tre pesci li avrete sicuramente visti in tante delle nostre fotoricette, anche se fino ad ora non avevamo mai provato la leccia stella e i sugarelli a crudo.

Oltre ai pesci di pesca locale, per lo Slow Sushi sono fortemente indicati pesci di allevamento sostenibile, per esempio ci hanno fatto conoscere i branzini (o spigole) e le orate allevate in mare aperto davanti a Lavagna (GE), oppure le trote salmonate, allevate di nuovo in modo giusto vicino a Mondovì. La trota salmonata è un perfetto sostituto del salmone per la preparazione del sushi, e infatti il risultato di un test alla cieca ha avuto come risultato che la trota salmonata è stata preferita al salmone.

Vi diciamo anche che le alghe nori usate per il sushi provengono dalla Cina e non dal Giappone, che la salsa di soia venduta in Europa dalla Kikkomam viene prodotta in Olanda, e che il riso perfetto per il sushi è l’italianissimo “Originario”.

FOTO DI GIeGI

494

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

Sab 28/05/2011 da in

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Seguici