Brodo: consigli per la realizzazione e la conservazione

Ciotola con brodo di verdure

Foto Shutterstock | Marcelo_Krelling

Il brodo in inverno è un must: si prepara facilmente, spesso con ingredienti che teniamo in frigo o in freezer, e dopo una fredda giornata invernale è veramente una grande coccola entrare in casa e cenare con un piatto di minestra, o meglio, una tazza di brodo saporito da sorseggiare, proprio come fosse una bevanda, sul divano. Ecco qualche trucco per realizzarlo in casa e poi conservarlo, in modo da averlo sempre pronto:

Ricette per fare il brodo

Per il brodo vegetale basta avere 1 Kg di verdure e odori misti, tra i quali non possono mancare cipolla, sedano e carota, tritarli, unire una manciata di sale, olio (ma potete evitarlo se volete la versione light), poi metterlo in barattoli ben chiusi, da tenere in dispensa e svuotare in acqua ogni volta che si vuole.

Per il brodo di carne si deve mettere 1 Kg di carne da lesso a pezzi in 2 dl di acqua, unire sedano, carota e cipolle, sale e far bollire per due ore. Se volete conservarlo potete frullarlo e metterlo in vasetti da sterilizzare.

Per sgrassare il brodo si deve mettere in frigo (solo quando sarà tiepido) e poi con una schiumarola togliere tutto il grasso che formerà sulla superficie una rigida patina.

Come chiarificare il brodo

Se volete chiarificare il brodo invece unite due-tre albumi, sbattete con la frusta e mettete sul fuoco e fate sobbollire, continuando a sbattere, poi filtrate il brodo con un telo bagnato e strizzato, avrete un liquido cristallino, perché gli albumi imprigioneranno tutte le impurità.

Parole di Anita Borriello

Appassionata di libri e computer: unisce l'amore per entrambi studiando Informatica Umanistica presso l'Università di Pisa. Lavora dal 2003 come Redattrice e Copywriter scrivendo testi per numerose testate online. Lettura, scrittura e tiro con l'arco sono le sue più grandi passioni.