Le prugne sono super benefiche: quante mangiarne al giorno per migliorare la salute delle ossa

Quante prugne mangiare per far bene alle ossa

Ecco la quantità di prugne da mangiare per le tue ossa (Buttalapasta.it)

Scopri quali sono le tante proprietà benefiche delle prugne e quante mangiarne. Sono buone e fanno bene alle ossa!

Quando si parla di alimentazione sana non si può non citare la frutta che è notoriamente ricca di vitamine e di sali minerali. Anche tra i frutti, però, ce ne sono alcuni che si rivelano più benefici di altri e tra tutti ci sono le prugne. Questi frutti, famosi per far bene all’intestino, sono infatti così ricchi di proprietà benefiche da rivelarsi anche dei grandi amici delle ossa.

Ecco, quindi, cosa c’è da sapere a riguardo a questi frutti così speciali e come mangiarli nella quantità giusta per beneficiare delle loro tante qualità e per prendersi cura al contempo delle ossa.

Quante prugne mangiare per il benessere delle ossa

Gli studi che ruotano intorno al cibo e ai suoi effetti benefici sono davvero tanti. E negli ultimi tempi, uno in particolare si è concentrato sul benessere delle prugne per quanto riguarda la salute delle ossa. Sebbene fino a oggi si è sempre pensato a questi frutti solo per il bene che fanno all’intestino, di recente è emerso che uno tra i benefici più grandi è quello che va proprio alle ossa.

Le prugne fanno bene alle ossa: ecco quante mangiarne

Mangia le prugne: secondo un nuovo studio fanno bene anche alle ossa (Buttalapasta.it)

A dimostrarlo è stato uno studio di 12 mesi che ha portato alla luce come il consumo di prugne sia in grado di abbassare i livelli di infiammazione legati all’osteoporosi. E tutto grazie ai nutrienti e ai minerali insiti proprio nelle prugne. Un aspetto che fino a oggi non era stato considerato a dovere e che, invece, è molto importante. Ma quante prugne bisognerebbe mangiare per godere di tali benefici? Sempre secondo lo studio il numero giusto si aggirerebbe intorno alle 5 o 6 prugne al giorno. Un numero che consente di non esagerare con gli zuccheri e di abbassare al contempo i livelli di infiammazione.

Tra le altre cose, consumare regolarmente le prugne aiuta anche a migliorare la salute dell’intestino, ad aumentare le difese immunitarie, a fortificare ossa e denti e a combattere i radicali liberi. Va però ricordato che le prugne possono essere controindicate in caso di allergia al nichel o al frutto stesso. Motivo per cui i più sensibili dovrebbero sempre rivolgersi al medico prima di mangiarle. Detto ciò, consumarle abitualmente è sicuramente un buon modo per mantenersi in forma. Ottime da sole, le prugne possono essere inserite nello yogurt sia al mattino che al pomeriggio e possono diventare anche un ottimo ingrediente per i dolci.

In tal caso va ricordato che alcune proprietà restano più presenti se il frutto viene mangiato crudo. Il tutto per un alimento facile da trovare e che può arricchire di maggior gusto la dieta di tutti e che per questo, salvo allergie o simili, vale sempre la pena provare.

Parole di Danila Franzone

Potrebbe interessarti