Mai buttare la buccia della melagrana: può rivelarsi davvero molto utile in cucina, come usarla

come usare la buccia della melagrana

Idee per utilizzare la buccia della melagrana - buttalapasta.it

Anche la buccia della melagrana si può utilizzare. Non bisogna buttarla via, con questi trucchetti riciclarla sarà utilissimo.

Frutto dalle molteplici proprietà benefiche, della melagrana vanno mangiati i chicchi o bevuto il succo. È ricca di antiossidanti di natura fenolica, la riboflavina, ma anche di vitamine, tra cui spiccano la vitmaina A, la C e la E e tutta una serie di sali minerali come potassio, fosforo, magnesio, calcio, sodio, zinco, rame.

I chicchi della melagrana sono buoni da mangiare a cucchiaiate, dopo averla pazientemente sbucciata ed averli estratti, ma anche per arrricchire e decorare dolci e piatti salati. Dalla melagrana si può ricavare il succo ed è un vero concentrato di benessere oltre che di piacevolezza per il suo gradevolissimo sapore, dolce ma non troppo, leggermente aspro e rinfrescante.

Se i chicchi si prestano meravigliosamente a decorare oltre che fare da ingrediente per torte, crostate, confetture, ma sono gustosissimi anche in insalate, secondi piatti di carne, solitamente della melagrana si butta via la buccia. Ma in realtà la scorza può servire ed essere utile in più di un modo.

Come utilizzare la buccia della melagrana: l’idea anti spreco facile e interessante

Nei diversi sistemi per aprire una melagrana la scorza in genere va eliminata. Si presenta con un colore che tende al rosso più o meno acceso, spesso arricchita da sfumature con una variegatura di colore che dipende dal grado di maturazione, a volte è più spessa, altre più sottile. Nella parte sottostante ha un colore bianco-giallastro e un sapore decisamente amaro. 

come usare la buccia della melagrana

La buccia della melagrana ottima in cucina e non solo – buttalapasta.it

Può sembrare impossibile da sfruttare proprio per l’aroma amarognolo che rilascia. Inoltre al tatto la parte interna della buccia tende a lasciare sulle dita una colorazione giallognola che persiste e va via solo dopo un accurato lavaggio. Anche la buccia della melagrana contiene flavonoidi e gli antiossidanti così benefici per il nostro organismo.

Si può quindi decidere di utilizzarla per fare un ottimo infuso. Buonissimo nelle giornate fredde, si realizza in questo modo: bisogna prima far essiccare per qualche giorno la buccia della melagrana tagliata a pezzetti. Ovviamente come operazione preliminare bisogna lavarla bene. Una volta essiccata non resta che versarla in una tisaniera in acqua calda. Dopo alcuni minuti di infusione si passa a filtrare il liquido. Per dolcificare va bene miele o zucchero.

La buccia essiccata si può conservare in un sacchetto per alimenti o in un barattolo di vetro a chiusura ermetica per usarla successivamente. Se si decide di macinarla può essere usata come spezia per aromatizzare salse e sughi, ma non solo. La buccia di melagrana essiccata e macinata diventa facilmente un ottimo fertilizzante per le piante, proprio in virtù delle sostanze nutritive che contiene.

Parole di Romana Cordova

Potrebbe interessarti