Questi quattro nuovi insetti potranno essere utilizzati nei prodotti alimentari: ufficiale il decreto

nuovi insetti tra gli ingredienti

Il decreto dice sì agli insetti nei prodotti alimentari - buttalapasta.it

Da dicembre 2023, l’Italia segue l’esempio europeo e autorizza l’utilizzo di quattro nuovi insetti nei prodotti alimentari: ecco quali sono.

Anche in Italia è arrivato il decreto ufficiale, entrato in vigore alla fine di dicembre 2023, secondo il quale verranno introdotti e utilizzati quattro nuovi insetti nei prodotti alimentari distribuiti nel paese. Ma quali sono questi insetti? Possiamo citare il decreto e identificare la larva gialla, la locusta migratoria, il grillo domestico e il verme della farina minore.

Ora questi insetti potranno essere inclusi nell’elenco degli ingredienti considerati accettabili. Secondo i regolamenti europei su cui l’Italia si è basata, la tendenza sarà quella di inserire questa nuova tipologia di ingredienti nutrienti e sostenibili all’interno dei prodotti alimentari di base e non.

Scopri i dettagli di questo nuovo mondo in arrivo e scopri le proprietà nutrizionali di questi nuovi ingredienti. Questo decreto apre la strada a nuove opportunità e sfide nell’industria alimentare e nella cultura italiana, ma tu sei pronto?

Insetti autorizzati per i prodotti alimentari: quali sono e che caratteristiche hanno

Tra gli insetti che potranno essere utilizzati nei prodotti alimentari di base, come la farina, troviamo sicuramente questi quattro. Quindi da adesso in poi attenzione alle etichette: ecco le loro proprietà nutrizionali.

nuovi insetti tra gli ingredienti

Larva gialla negli alimenti e non solo- buttalapasta.it

  1. Larva gialla: la larva gialla è un insetto ricco di proteine e grassi sani e può essere utilizzata in vari prodotti, dalla pasta alle barrette proteiche.
  2. Locusta migratoria: questo insetto ha un profilo nutrizionale bilanciato e può essere impiegata in snack, integratori proteici e molto altro.
  3. Grillo domestico: noto per il suo sapore che assomiglia leggermente alla nocciola, può essere incorporato in vari prodotti da forno, come pane o biscotti, nonché servire come base per creare delle farine nutrienti.
  4. Verme della farina minore: infine, questo insetto è ricco di fibre e proteine e può essere utilizzato nella creazione di farine alternative per produrre pasta, pane e prodotti da forno.

Con l’autorizzazione di questi insetti, l’industria alimentare italiana si troverà sicuramente di fronte a nuove sfide ed opportunità. Se da un lato si aprono nuovi orizzonti in termini di sostenibilità, dall’altro lato sarà difficile per alcuni accettare gli insetti come ingredienti per una dieta bilanciata. Quindi si tratterà di una sfida in tutti i sensi, sia dal punto di vista alimentare che culturale e sociale. Il futuro sembra essere caratterizzato da una crescita della varietà di prodotti alimentari più sostenibili e alternativi, non ti resta che decidere da che parte stare.

Parole di Chiara Poiani

Potrebbe interessarti