Salmone Norvegese: gusto e benessere per tutta la famiglia

Come cucinare il salmone

Foto Shutterstock | nadianb

Tutti sappiamo come sia importante inserire frequentemente il pesce nell’alimentazione di tutti i giorni. In particolare, il Salmone Norvegese dà un apporto fondamentale al benessere di tutta la famiglia. Il Salmone Norvegese, infatti, contiene proteine nobili, sali minerali e molte vitamine (come la A, la B12 e la D), ma la cosa più importante è che è anche un pesce grasso, ma non preoccupatevi è ricco solo di tanti grassi buoni, cioè di acidi grassi polinsaturi, meglio conosciuti come Omega 3.

Gli Omega 3 hanno un ruolo insostituibile per tutti i membri della famiglia: aiutano a ridurre il rischio di problemi cardiovascolari, sono anche fondamentali in gravidanza per assicurare il corretto sviluppo del feto, influenzano positivamente il tono dell’umore.
Una dieta che fornisce la giusta dose di Omega 3 è estremamente benefica per il sistema nervoso centrale, favorisce una maggiore capacità di concentrazione, di lucidità e di energia psico-fisica, svolgendo anche una funzione antidepressiva. Gli Omega 3, inoltre, sono utili per la pelle, perché contribuiscono a combattere la sua secchezza e l’invecchiamento.
Ecco perché è importante inserire il Salmone Norvegese fresco nei menu di tutti i giorni, e questo non pone problemi poiché è facile da preparare: non dovete preoccuparvi di pulirlo visto che lo trovate già pronto in filetti e in tranci, e poi ha pochissime spine, facilmente eliminabili, per cui è molto adatto anche ai bambini.
Al momento della cottura ricordate di non cuocerlo troppo: solo così le sue carni rimarranno morbide e succose; inoltre, il salmone continuerà a cuocere ancora un minuto o due dopo averlo tolto dal fuoco.
I tempi indicativi per cuocere un filetto di Salmone Norvegese di circa 150gr sono:

  • 10 minuti al vapore,
  • 15 minuti circa al forno,
  • 2/3 minuti per parte in padella,
  • 3 minuti per parte sulla griglia.

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Parole di GIeGI

GIeGI è stata collaboratrice di Buttalapasta dal 2008 al 2013, spaziando tra tutte le tipologie di ricette, con un occhio di riguardo a quelle della tradizione regionale.