Lingua al vino rosso

Lingua al vino rosso

  • default-difficolta
  • default-
  • 1 Persone
  • n.d.

La lingua è una delle componenti del quinto quarto, cioè i tagli considerati a torto meno pregiati, ma che invece possono essere trasformati in piatti gustosi e nello stesso tempo economici. Purtroppo questi tagli vengono snobbati perché poco conosciuti e soprattutto perché richiedono un minimo di impegno in cucina e lunghi tempi di cottura; incominciate a conoscere il quinto quarto con questa ricetta per le lingua. La lingua è un muscolo e quindi è la frattaglia più simile alla carne, ma con ha una consistenza più morbida e gelatinosa.

Ingredienti

  • 1 lingua di bue intera
  • 2 bicchieri di vino rosso di ottima qualità
  • 100 g. di lardo
  • 1 carota
  • 1 cipolla
  • 1 gambo di sedano
  • 1 scalogno
  • 2 chiodi di garofano
  • olio extra vergine di oliva q.b.
  • sale e pepe q.b.
  • brodo di carne q.b.

Preparazione

Gettate la lingua in una pentola di acqua bollente e cucoetela per circa 30 minuti.  
Scolatela e spellatela. Mettetela in un contenitore con il vino, la cipolla affettata, l’alloro, un po’ di pepe e i chiodi di garofano. Lasciatela marinare per una notte.  
Scolate la lingua dalla marinata, asciugatela e fatela rosolare in un tegame con un filo di olio. Pulite il sedano, la carota e lo scalogno e tritate il tutto assieme al lardo; unite questo trito alla lingua e fate rosolare per 10 minuti. Versate sulla lingua la marinata filtrata, portate ad ebollizione e fate cuocere per almeno 2 ore. Se necessario aggiungete di tanto in tanto del brodo caldo.  
Quando la lingua sarà cotta togliete la lingua dal tegame, fate addensare la salsa se necessario, e passatela al setaccio. Servite la lingua intera o affettata ricoperta dal sugo di cottura. Servitela accompagnata da un bel purè di patate o da polenta.  
Foto da cgi.ebay.it, www.pubblicitaitalia.com, www.confagricoltura.org, www.lesfoodies.com, maxgimelli.files.wordpress.com, forum.ricette-calorie.com, girlinterruptedeating.wordpress.com, www.gourmetsleuth.com

Parole di GIeGI

Da non perdere