Salame di cioccolato

Tagliere di legno con salame di cioccolato a fette

Foto Shutterstock | NoirChocolate

  • facile
  • 30 minuti
  • 6 Persone
  • 400/porzione

Ecco la ricetta del salame di cioccolato della nonna, conosciuto anche come salama di cioccolato o salame turco. È uno dei dolci al cioccolato più facili da preparare e questa è la ricetta perfetta. Con pochi passaggi porterete sulla tavola uno dei dolci senza cottura più goloso e apprezzato da tutti, anche veloce da fare riciclando gli avanzi. Volendo potete fare anche il salame di cioccolato senza uova o senza burro, oppure usare il cioccolato bianco, e personalizzare il dolce con il caffè o con il cacao.

Ingredienti

  • Cioccolato fondente 200 gr
  • Biscotti secchi 300 gr
  • Burro 150 gr
  • Zucchero 100 gr
  • Uova 2
  • Rum 2 cucchiai
  • Zucchero a velo per decorare qb

Preparazione

  1. Per la preparazione della ricetta del salame al cioccolato, per prima cosa rompete i biscotti. Potete sbriciolarli mettendoli in un sacchetto per alimenti per poi pestarli con un matterello o un batticarne.

  2. Fate fondere il cioccolato a bagnomaria o nel microonde a bassa potenza, poi mescolate per ottenere un composto omogeneo e fatelo raffreddare.

  3. Sbattete il burro per renderlo morbido e spumoso, quindi unitevi, sempre sbattendo, il cioccolato fuso, poi lo zucchero, le uova e il rum. Unite per ultimi i biscotti al composto a base di cioccolato e mescolate per amalgamare bene il tutto.

  4. Deponete delicatamente l'impasto su un foglio di carta forno o di pellicola alimentare cercando di dargli una forma allungata, poi arrotolate il foglio per dare al vostro salame di cioccolato la classica forma cilindrica. Fate solidificare in frigorifero per almeno 4 ore.

  5. Per ottenere un effetto ancora più realistico, togliete il salame dal foglio e fatelo rotolare nello zucchero a velo per simulare la muffa bianca che ricopre il salame vero.

  6. Potete infine servire il salame di cioccolato intero e affettarlo in tavola, oppure tagliarlo prima e deporre le fette su un vassoio da servire agli ospiti.

Dove è nato il salame di cioccolato

Tagliere di legno con salame di cioccolato a fette

Foto Shutterstock | Liliya Kandrashevich

Chi ha inventato il salame al cioccolato? Dove è nata questa ricetta? Il suo nome, come è facilmente intuibile, deriva dalla forma del dolce, simile proprio a un salame da tagliare a fette. Ma chi lo ha creato? Le notizie al riguardo sono tutt’altro che certe.

C’è chi parla di origini portoghesi, ma va detto che troviamo il dolce nella tradizione culinaria di molte regioni d’Italia: Piemonte, Emilia Romagna, Veneto, Campania. E di recente è stato anche inserito nella lista dei P.A.T. (Prodotti Agroalimentari Tradizionali) della Sicilia. Lì è conosciuto con il nome di salame turco, per via della colorazione scura che ricorda quella dei mori.

Come conservare il salame di cioccolato

piatto con fette di salame al cioccolato con papaia e poco zucchero

Foto Shutterstock | Natallia Harahliad

Il salame di cioccolato si conserva in frigorifero, debitamente avvolto con della pellicola, per un paio di giorni al massimo. Se lo volete conservare per più tempo lo potete congelare. Per comodità fatelo a fette e avvolgete ogni fetta in un foglio di alluminio per poterlo gustare con facilità. Lasciatelo scongelare nel frigo per qualche ora. Nel congelatore il salame al cioccolato dura qualche settimana, non fatelo invecchiare troppo e gustatelo entro un paio di mesi.

I liquori con cui accompagnare il dolce

tagliere con fettine di salame al cioccolato con latte condensato

Foto Shutterstock | Liliya Kandrashevich

Questo dolce facile e veloce può essere accompagnato da diverse bevande. Se a gustarlo sono i bambini va bene qualsiasi tipo di succo di frutta. Se invece i vostri ospiti sono adulti, allora ecco i liquori con cui accompagnare il salame al cioccolato. Partiamo dal rum, che in abbinamento con il cioccolato ci sta sempre bene. Poi potete servirlo con l’amaretto oppure con il liquore al caffè. Altro abbinamento perfetto è con il liquore all’anice.

Parole di Kati Irrente

Giornalista per vocazione, scrivo per il web dal 2008. Mi occupo di cronaca italiana ed estera, politica e costume. Naturopata appassionata del vivere green e della buona cucina, divido il tempo libero tra musica, cinema e fumetti d'autore.