Involtini di vitello al Marsala

Involtini di vitello al Marsala

  • default-difficolta
  • default-
  • 1 Persone
  • n.d.

Questa ricetta vi propone dei raffinati involtini di vitello farciti con pistacchi e fegatini, e cotti in una deliziosa salsetta a base di Marsala. Se preferite potete prepararli come pacchettini, come le famose “Paupiettes” della cucina francese.

Ingredienti

  • 8 fettine di vitello piuttosto sottili e regolari (fatevele preparare e battere dal macellaio)
  • 3 fegatini di pollo
  • 1 cipolla
  • 80 g. di uvetta
  • 2 dl. di panna da montare
  • 40 g. di pistacchi sgusciati
  • 1 rosso d’uovo
  • 40 g. di burro o 3 cucchiai di olio
  • 1 dl. di Marsala
  • brodo di carne q.b.
  • pepe pestato o macinato al momento q.b.
  • sale q.b.

Preparazione

 
Fate ammollare l’uvetta nel Marsala.  
Pulite e tritate finemente al cipolla, e fatela sudare in una padella con metà del condimento che avete scelto (burro od olio). Unitevi i fegatini di pollo che avrete pulito e lavato (fate attenzione ad eliminare la vescichetta del fiele senza romperla, altrimenti prenderanno un sapore amaro). Fateli saltare a fuoco vivo per 4 minuti. Tritate i fegatini e i pistacchi grossolanamente e mescolate il tutto con il rosso d’uovo. Salate e pepate.  
Stendete le fettine di vitello su un vassoio, salatele e pepate leggermente e distribuitevi sopra la farcia preparata. A questo punto potete semplicemente arrotolarle e fermarle con degli stecchini (stile all’italiana), oppure potete preparare delle paupiettes, cioè dei pacchetti dalla forma quasi cubica (stile francese) e legarli con un po’ di filo bianco.  
Fate dorare i vostri pacchetti in una casseruola con il resto del condimento scelto. Abbassate il fuoco, unite l’uvetta con il Marsala, la panna e un po’ di brodo. Aggiustate di sale e pepe. Fate cuocere a fuoco moderato per circa 30 minuti, unendo altro brodo se occorre.  
Servite questi involtini di vitello ben caldi, accompaganti da patate al vapore, o da purè di patate.  
Foto da papillesetpupilles.blogspot.com, it.wikipedia.org, www.guidasicilia.it

Parole di GIeGI

Da non perdere