Millerighe con crostacei saltati con olive, capperi e pomodorini

Millerighe con crostacei saltati con olive, capperi e pomodorini

  • default-difficolta
  • default-
  • 1 Persone
  • n.d.

La videoricetta per questo squisito primo piatto di pesce ci è stata mandata da un lettore del nostro blog che è anche lo Chef di un ristorante di Ischia. Lui si chiama Gianni Mattera e opera nelle cucine del Ristorante Alberto. Le millerighe sono un formato di pasta simile ai rigatoni, con cui potete sostituirle, per preparare questo primo profumatissimo a base di crostacei che potrete scegliere diversi di volta in volta. Per la realizzazione di questa ricetta vanno bene sia mazzancolle, che scampi, che gamberoni. Sceglieteli in base a quelli più freschi che troverete in pescheria. Abbinate a questa pasta un vino bianco campano, leggero, lo stesso che potete usare per cucinare, come il Biancolella di Ischia.  

Ingredienti

  • crostacei misti, come gamberoni, mazzancolle, mezzi gamberi, scampi
  • olive nere
  • capperi
  • qualche pomodorino
  • pasta formato millerighe o rigatoni
  • 1 spicchio di aglio
  • 1 peperoncino
  • vino bianco giovane
  • olio extravergine di oliva

Preparazione

 
Pulite i crostacei: lasciate la testa attaccata e togliete il guscio del corpo. Gli scampi vanno tagliati a metà fino alla base della testa, che deve rimanere intera. In una padella fate soffriggere aglio, olio peperoncino; appena l’aglio sarà leggermente dorato unite i capperi con i crostacei puliti.  
Fate rosolare per bene, quindi irrorate con il vino bianco, fate evaporare e unite i pomodorini che nel frattempo avrete lavato e tagliato in due.  
Lasciate cuocere qualche minuti, intanto lessate la pasta in abbondante acqua salata, scolatela al dente, togliete i gamberoni dalla padella e metteteli in un piatto coperti, fate saltare le millerighe nella padella con il sughetto, poi distribuite nei piatti e guarnite con i gamberoni.  
Video Ricetta Fonte – Yacht & Sail (SKY Ch. 214), Portolano d’Europa e del Mediterraneo Trasmissione del giugno 2008

Parole di Paoletta