Amaretti sardi

ricetta Amaretti Sardi

  • Difficoltà Difficoltà:

    Facile

  • Tempo Tempo:

    50 min 

  • Persone Persone:

    8

  • Calorie Calorie:

    452 kcal/100gr

Gli Amaretti sardi sono dei biscotti tipici della Sardegna che prevedono l’utilizzo di due ingredienti principali: le mandorle e gli albumi. Questi biscotti, che sono tipici anche di alte regioni italiane come il Piemonte, differiscono dal più noto amaretto per la loro fragranza e morbidezza conferiti dalla massiccia presenza di mandorle. La particolarità di questa ricetta, dal quale prende anche il nome, è la presenza delle mandorle amare, una qualità di frutta secca meno utilizzata nella cucina italiana, ma che dona ai biscotti quel retrogusto piacevolmente amaro. Potete trovarle presso i negozi di frutta ben forniti o nei grandi supermercati. Seguendo i nostri consigli su come pelare le mandorle e sulla giusta consistenza degli albumi, otterrete i veri amaretti sardi.

Ingredienti

Ingredienti per gli Amaretti sardi (dosi per 6-8 persone):

  • 450 gr di mandorle dolci pelate
  • 100 gr di mandorle amare pelate
  • 500 gr di zucchero
  • 1/2 scorza grattugiata di limone biologico
  • 5 albumi
  • Acqua di fior d’arancio
  • Zucchero e mandorle per la decorazione q.b.

Preparazione

  1. Tritate le mandorle in un mixer e mescolatele allo zucchero, fino ad ottenere un composto omogeneo.

  2. A parte sbattete gli albumi (attenzione non montateli a neve) e incorporateli al composto di mandorle e buccia di limone grattugiata amalgamando per bene il tutto. Lasciate riposare il tutto per almeno 20 minuti.

  3. Dall’impasto omogeneo ricavate delle palline grandi come una polpetta bagnando le mani con l’acqua di fior d’arancio in modo da non far attaccare il composto alle mani mentre si lavora.

  4. Schiacciate leggermente le palline preparate e passatele nello zucchero sulla parte superiore ponendovi al centro una mandorla o uno zuccherino.

  5. Disponete gli amaretti su una teglia foderata di carta forno ben distanziati gli uni dagli altri. Fate cuocere a 170° per circa 20 minuti o fino a doratura uniforme. Sfornate e lasciate raffreddare su una griglia prima di servire.

Consigli per la preparazione degli Amaretti sardi
Se utilizzate le mandorle non pelate vi consigliamo di sbollentarle, sia dolci che amare, per qualche secondo; poi spellatele e asciugatele per bene prima di tritarle. In assenza di mandorle amare potete utilizzare l’aroma in fialetta, ben consapevoli però che il gusto sarà differente. Inoltre è importante che gli albumi non vadano montati a neve ma semplicemente sbattuti. E’ importante non eccedere nella quantità di buccia di limone che non aiuta a far legare gli ingredienti. Infine, al momento di servirli vi suggeriamo di disporli in un cestino colorato tipico sardo o in un normale cestino con dei tovaglioli di carta colorati, accompagnando un buon caffè o un tè.

Foto di noii’s

Mar 10/04/2012 da

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Silvia Leopardi
Silvia Leopardi 20 aprile 2012 18:24

le mandorle si asciugano in un cannovaccio oppure in forno’

Rispondi Segnala abuso
Seguici