Cannavacciuolo, il suo piatto più famoso è anche ideale per l'estate: semplice ma gustosissimo

Linguine di Cannavacciuolo ricetta

Linguine di Cannavacciuolo, la ricetta Foto Facebook @Chef Antonino Cannavacciuolo (Buttalapasta.it)

Vediamo insieme come preparare uno dei piatti più famosi dello Chef Antonino Cannavacciuolo, che è particolarmente ideale per l’estate.

Se vuoi provare anche tu a cucinare una delle ricette più buone e famose dello Chef Antonino Cannavacciuolo, ti diciamo come fare e lo potrai portare in tavola oggi stesso per deliziare i tuoi ospiti, siano essi familiari o amici. Il piatto è semplice ma gustosissimo, si tratta di un primo di pasta davvero squisito.

Ecco come preparare la ricetta delle linguine Linguine di Gragnano, calamaretti spillo e salsa al pane. Il profumo di mare inonderà la tua cucina!

La ricetta delle linguine ai calamaretti di Antonino Cannavacciuolo

Antonino Cannavacciuolo ha creato questo piatto per il suo locale, ed in poco tempo è diventato uno dei piatti più famosi dell’Hotel Ristorante Villa Crespi. Sono nate per riusare del pane di segale avanzato che il simpatico cuoco ha unito alla pasta di Gragnano e ai calamaretti.

Antonino Cannavacciuolo ricette

Antonino Cannavacciuolo Foto Ansa (Buttalapasta.it)

Ma vediamo come cucinare le linguine con calamaretti a spillo e salsa al pane di segale. Le dosi sono per due persone.

Ingredienti

  • Linguine di Gragnano 160 g
  • Calamaretti spillo 200 g
  • Prezzemolo 20 g
  • Pomodori datterini 4
  • Fumetto di pesce 720 ml
  • Spicchi d’aglio 2
  • Olio all’aglio q.b.
  • Olio extra vergine di oliva q.b.
  • Sale e pepe q.b.

Ingredienti per il brodo di pesce

  • Lische di pesce 1 kg
  • Finocchi 100 g
  • Sedano rapa 100 g
  • Cipolle 100 g
  • Prosecco 50 ml
  • Olio extra vergine di oliva q.b.
  • Ghiaccio e acqua qb.

Salsa al pane di segale

  • Brodo di gallina 400 ml
  • Pane di segale 250 gr
  • Vino bianco 50 ml
  • Noci 20 g
  • Uva sultanina 20 gr
  • Rametti di timo 6
  • Scalogno 1
  • Olio extra vergine di oliva q.b.
  • Sale e pepe q.b.

Preparazione

  1. Innanzitutto inizia dal brodo di pesce. Metti le lische in una vasca di acqua fredda corrente per qualche ora.
  2. Ora lava e taglia le verdure a pezzi grossi, falle rosolare leggermente con l’olio in una pentola e aggiungi le lische. Versa il prosecco e fai evaporare, coprire con acqua e ghiaccio.
  3. Porta al bollore, schiuma e cuoci per 40 minuti a fuoco basso. Fai intiepidire e filtra il brodo con un colino. Se puoi abbattilo, comunque mettilo in frigo e sgrassalo prima di usarlo
  4. Dedicati alla salsa di pane di segale. Taglialo a cubetti e tostalo in forno. Taglia finemente lo scalogno e rosolalo in un pentolino con olio e un mazzetto di timo legato con uno spago. Aggiungi le noci, l’uva sultanina e sfuma con il vino bianco.
  5. Unisci il pane tostato, bagna con il brodo di gallina e cuoci per 20 minuti mescolando ogni tanto. Togli dal fuoco, elimina il timo e frulla regolando di sale ed emulsionando con l’olio fino a che la consistenza sarà morbida. Filtra con un colino a maglie strette.
  6. Ora prepara le linguine. Fai rosolare l’aglio pelato e senza anima con un filo di olio appena prende colore. Aggiungi i calamaretti spillo già puliti, un pizzico di sale e fai cuocere per pochi secondi. Metti da parte i calamaretti e coprili con pellicola per mantenere il profumo e la morbidezza.
  7. Nella padella ancora calda fai dorare il fondo e aggiungi il fumetto di pesce per farlo ridurre. Nel frattempo cuoci la pasta per 7 minuti in acqua bollente salata. Porta la salsa di pane al bollore.
  8. Scola la pasta e continua la cottura in padella con il fumetto di pesce ridotto. Quando la pasta è al dente manteca con olio all’aglio. Unisci pezzetti di pomodorini datterini sbucciati a cui hai tolto anche i semi, prezzemolo tritato, sale pepe e olio. Impiatta la pasta a nido.
  9. A questo punto aggiungi i calamaretti spillo nella padella dove hai saltato le linguine e salta un minuto poi copri la pasta con la salsa pane di segale calda e fluida e i calamaretti spillo, versa un poco di salsa anche intorno al nido di linguine.

Infine servi le linguine e buon appetito!

Parole di Kati Irrente

Giornalista per vocazione, scrive per il web dal 2008 di cronaca italiana ed estera, politica e costume. La sua passione è la buona cucina, non solo le ricette della tradizione gastronomica italiana e internazionale ma anche piatti originali e particolari. Divide il tempo libero tra musica, cinema e fumetti d'autore.

Potrebbe interessarti