Cenare guardando la Terra dallo spazio: dove e come sarà possibile prenotare l'esperienza

cenare nello spazio

Cenare nello spazio: cosa c'è da sapere su questa incredibile iniziativa (Buttalapasta.it)

Cenare nello spazio guardando la Terra, da oggi è possibile: cosa c’è da sapere sull’esperienza che tutti vorrebbero fare.

Godersi una cena stellata non solo in senso metaforico, ma anche in senso letterario da oggi è finalmente possibile! Rasmus Munk dell’Alchemist di Copenaghen (due stelle Michelin e quinto posto nella World’s 50 Best Restaurants) porterà la sua cucina sempre originale e provocatoria ben oltre i confini terrestri. 

Di fatto, renderà reale per la prima volta in assoluto cenare nello spazio. Un’idea progettata in collaborazione con SpaceVip, l’agenzia di viaggi privati nello spazio.

Un’esperienza gastronomica unica che chiunque dovrebbe vivere. Il prezzo però, com’è facile immaginare, non è da tutti. Ecco che cosa c’è da sapere su questa incredibile iniziativa.

Cenare guardando la Terra dallo spazio: tutto quello che c’è da sapere sull’iniziativa

Lo chef Rasmus Munk dell’Alchemist di Copenaghen, in collaborazione con l’agenzia di viaggi privati SpaceVip che collabora a sua volta con Space Perspective, il creatore dell’Astronave Nettuno, una capsula pressurizzata dotata di tutti i comfort e spinta da un pallone spaziale a emissioni quasi zero che permette di osservare la Terra da un’altezza di 100 mila piedi, porterà presto nello spazio la sua idea di cucina.

Cena nello spazio

Da oggi è possibile cenare nello spazio (Fonte: Ansa – Buttalapasta.it)

Ad annunciarlo è stato lo stesso Munk direttamente sul suo profilo Instagram. Qui lo chef ha anche spiegato come funzionerà questa incredibile esperienza gastronomica. “Gli esploratori saliranno a 100.000 piedi sul livello del mare dove ceneranno mentre guarderanno l’alba sulla curvatura terrestre“.

Il volo durerà sei ore e il lancio avverrà dal Kennedy Space Center in Florida. Per prendere parte alla prima cena nello spazio non ci sarà bisogno di indossare una tuta spaziale né tanto meno di prepararsi con esercitazioni mirate. Basterà sedersi e godersi il viaggio guardando la Terra mentre il sole sorge e gustare un menu unico al mondo. Al termine dell’esperienza si atterrerà dolcemente nell’oceano.

Per il momento non si conoscono molti altri dettagli a riguardo. Tuttavia, è probabile che il menu sia pensato e realizzato su misura in base alle esigenze e ai gusti dei clienti. A chi si sta chiedendo quanto costa nel complesso partecipare ad una simile esperienza interesserà sapere che anche il prezzo è decisamente stellare. Si va infatti dai 500 mila euro a passeggero. Come ricorda però lo chef dell’Alchemist, “i proventi della spedizione saranno diretti a Space Prize Foundation, a sostegno della promozione della parità di genere in scienza e tecnologia“.

Parole di Veronica Elia

Sono Veronica e sono una giornalista pubblicista iscritta all’ordine dei Giornalisti della Lombardia, laureata in Editoria presso l’Università degli Studi di Milano. Nel 2015 comincio il mio percorso giornalistico ed inizio a collaborare con diverse realtà editoriali in Italia e in Svizzera. Il mio motto? “Fai il lavoro che ami e non lavorerai neanche un giorno della tua vita”.

Potrebbe interessarti