Questo Natale evitate caviale e storione: il motivo è estremamente serio

storione e caviale illegali

Perchè quest'anno è megliono comprare storione e caviale - buttalapasta.it

Quest’anno per il pranzo di Natale è meglio non mangiare né caviale né storione. C’è un motivo ben preciso ed è molto importante.

Per cenoni e pranzi di Natale il caviale e lo storione spesso vanno in tavola come cibi succulenti e lussuosi che si adattano perfettamente all’atmosfera di festa. Ma quest’anno c’è un ottimo buon motivo per evitare di acquistarli.

Quando si acquista un alimento è bene accertarsi della provenienza e delle modalità con cui arriva sul mercato. Per fare un acquisto etico e consapevole biosgna conoscere determinati elementi.

Recentemente i ricercatori del Leibniz Institute for Zoo and Wildlife Research di Berlino hanno effettuato degli studi che hanno suscitato a dir poco sconcerto. Il loro esame è partito dall’analisi di ben 149 campioni di caviale e storione che provenivano da Romania, Bulgaria, Serbia e Ucraina e hano fatto una grave scoperta.

Si verifica una violazione delle norme vigenti sulla produzione e la vendita di questi prodotti. Il 21% dei campioni analizzati era di provenienza da storioni selvatici. La violazione riguarda le disposizioni CITES relative a commercio ed etichettatura.  Ben il 32% presentava un’etichettatura ingannevole non indicando nel modo corretto la provenienza, ad esempio presentando come selvatico uno storione che invece proveniva da acquacoltura.

Caviale e storione: in Europa una grossa percentuale è illegale

Le norme europee in vigore dalla fine degli anni ’90 prevedono che ad essere venduti siano solo caviale e storione allevati in acquacoltura.  Ma non sono sempre assolutamente rispettate.

Molte pratiche illegali dominano il mercato e non è sempre facile scovare l’inganno. La CITES, ovvero la Convenzione sul commercio internazionale delle specie minacciate di estinzione, cerca di salvaguardare le sole 4 specie di  storione esistenti in Europa.  Si tratta del Beluga o Huso Huso, l’Acipenser gueldenstaedtii, poi c’è l’Acipenser stellato e l’Acipenser rhutenus che vivono nel Mar Nero e nel basso Danubio.

storione e caviale illegali

Le ricerche hanno dimostrato la violazione delle norme sulla pesca e il commercio del caviale – buttalapasta.it

Anche per quanto riguarda l’etichettatura, le norme entrate in vigore nel 2000 sono precise e dettagliate e vogliono che venga tracciato in modo chiaro e trasparente il prodotto. Attraverso le analisi genetiche effettuate sui campioni presi in esame i ricercatori sono arrivati a scoprire le irregolarità che vengono ampiamente commesse. Le regole della CITES nella maggior parte dei casi non sono rispettate.

I pescatori locali non sono sostenuti per evitare, a causa di una ricerca disperata di guadagno, di raccogliere caviale o pescare storione selvatico. Questo può avvenire anche perché i controlli non sono forti e stringenti e le ricerche, come quelle effettuale all’Istituto di Berlino sono molto costose per cui vengono fatte di rado.

Conoscere l’esistenza di queste irregolarità sicuramente fa riflettere e pone nella condizione di scegliere se voler acquistare prodotti di dubbia e illegale provenienza o evitare di incrementare un mercato che crea un forte danno all’ambiente.

Parole di Romana Cordova

Potrebbe interessarti