Vermi della pasta: cosa fare se li trovi in dispensa

Può capitare di trovare le camole della farina in dispensa. Cosa fare se i vermi della pasta hanno contaminato il cibo? Ecco come correre ai ripari, tenendo presente che le tarme della farina, non sono nocive.

vermi pasta

Foto shutterstock | nicemyphoto

La pasta non piace solo alla maggior parte degli italiani e dei buongustai di tutto il mondo, in effetti è il cibo preferito anche da piccoli insetti che si nutrono di questo cibo. Parliamo dei vermi della pasta anche noti come tarme della farina o camole della farina. Perché le possiamo trovare in dispensa? Sono insetti nocivi? Come si eliminano? Ecco le risposte alle tue domande

Tarme della farina: come riconoscerle

farina di vermi
Foto Shutterstock | Dalaifood

Prima di tutto, niente panico, le camole della farina non sono nocive e la presenza di questi insetti in dispensa non deve preoccuparti più di tanto. Pensa che c’è chi le alleva per la pesca o per darle da mangiare ai rettili da compagnia, anfibi, pesci e uccelli.

Certamente per tenere la dispensa in ordine e igienizzata occorre eliminarli e pulire bene, per evitare che altri alimenti possano essere contaminati. E anche in caso di allergia.

Andiamo per ordine, i vermi della farina (Tenebrio Molitor) che poi sono tra gli insetti che compongono la farina di vermi recentemente autorizzata dall’UE per la produzione di pasta, pane ed altri alimenti confezionati, si nutrono proprio della farina e quindi anche della pasta.

Il ciclo di vita del Tenebrio Molitor va da 130 a 220 giorni e si divide in 4 stadi: uovo, larva (vermi), pupa e coleottero (insetto adulto). Vivono bene al buio, a temperature comprese tra i 20 e 35 °C preferendo tra i 25 e i 27 °C.

Attenzione a non confondere le tarme della farina con le farfalline della farina, nota come tignola fasciata del grano, il cui nome è Plodia interpunctella, insetto che adora mangiare farine di cereali, pasta frutta secca e tanti altri cibi presenti nelle dispense.

Cosa fare se trovi vermi della pasta

Elimina le confezioni di pasta contaminate, controlla tutti i cibi presenti, dai cereali ai dolci, dalla frutta secca al riso. Pulisci bene la dispensa aspirando tra le fessure del mobile. Cerca di fare attenzione a ogni angolo, devi eliminare tutte le uova presenti.

Poi lava con una soluzione di acqua tiepida e aceto, se non vuoi usare dei detergenti disinfettanti specifici. Foglie di alloro e oli essenziali di eucalipto e lavanda aiutano a tenere lontani i vermi della pasta.

A questo punto conserva la pasta e la farina di grano, e gli altri cibi non contaminati in confezioni chiuse ermeticamente.

Parole di Kati Irrente

Giornalista per vocazione, scrive per il web dal 2007 di cronaca italiana ed estera, politica e costume. La sua passione è la buona cucina, non solo le ricette della tradizione gastronomica italiana e internazionale ma anche piatti originali e particolari. Divide il tempo libero tra musica, cinema, libri e fumetti d'autore.

Potrebbe interessarti