Brioche col tuppo (brioche siciliana)

Brioche col tuppo ricetta

Brioche col tuppo - buttalapasta.it

  • media
  • 6 ore
  • 10 Persone
  • 285/porzione

Ecco la ricetta della brioche col tuppo famosa in tutto il mondo. Le briosce col tuppo siciliane sono dolci lievitati tipici della cucina siciliana che si chiamano così per la presenza del tuppo ovvero una piccola pallina di pasta posizionata sulla sommità delle stesse.

Le brioche col tuppo sofficissime profumate e dolci, sono preparate con miele, latte, strutto nella ricetta tradizionale (che si può sostituire con il burro), zucchero e farina manitoba. Non sono difficili da fare anche se richiedono un po’ di tempo e di attenzione. Se avete una planetaria farete sicuramente meno fatica.

Per presentarle in tavola al meglio vanno abbinate a gelato, sorbetto o panna montata oppure meglio ancora a deliziosa e fresca granita, ma vi consigliamo di provarle anche con alimenti salati, ricotta o salumi, il contrasto è perfetto.

Ingredienti

  • farina manitoba 500 gr
  • zucchero 100 gr
  • strutto o burro 75 gr
  • sale 5 gr
  • lievito di birra 12 gr
  • latte intero 170 gr
  • miele 1 cucchiaio
  • uova 2
  • scorza di arancia 1
  • aroma vaniglia qb
  • un tuorlo + un po' di latte per spennellare
  • zucchero a velo 1 cucchiaio

Preparazione

  1. Iniziate la preparazione della ricetta della brioche col tuppo dal lievitino, la cosiddetta biga. Prendete 60 ml di latte a temperatura ambiente e scioglieteci dentro il lievito. Poi aggiungete il miele e 100 gr di farina manitoba. Mescolate e impastate. Create un panetto, incidetelo e ponete a lievitare fino a triplicare il volume.

  2. In una ciotola, direttamente in quella della planetaria se ne avete una, mettete la farina rimanente, lo zucchero, le uova mescolate con il latte rimanente, il burro a pomata morbido, la vaniglia e la scorza di arancia e il lievitino a pezzetti.

  3. Azionate la planetaria a velocità media o cominciate a impastare con le mani con un certo vigore. Impastate tutti gli ingredienti per almeno 15 minuti, aggiungete il sale al termine di questo tempo e impastate ancora per altri 5 minuti, l'impasto dovrà staccarsi dalle pareti totalmente ed essere ben incordato, asciutto ed elastico.

  4. Staccate l'impasto dal gancio se avete usato la planetaria e arrotolatelo sul piano di lavoro formando una palla. Poi trasferitelo in un'altra ciotola infarinata. Mettetelo a lievitare coperto con la pellicola in luogo tiepido (max 30 gradi) per almeno due ore. Deve raddoppiare se non triplicare il suo volume

  5. Trascorso questo tempo, capovolgete l'impasto su una spianatoia infarinata e avvolgetelo per dargli una forma a palla. Tagliate l'impasto formando 10 palline più grandi di circa 80 gr l'una e 10 più piccole, di circa 15-20 gr.

  6. Ora arrotolate ogni pallina grande su sé stessa usando il palmo delle mani ed effettuando la pirlatura. Posizionate ogni pallina grande su una teglia foderata di carta forno devono essere ben distanziate. Praticate sulla sommità un piccolo solco.

  7. Lavorate anche le palline piccole nello stesso modo, formando una sorta di cono a una estremità, così le andrete a incastrare nel solco delle palline più grandi. Questo sarà poi il tuppo.

  8. Rimettete a lievitare (dentro al forno con la luce accesa, comunque a una temperatura max di 28/30 gradi) fino al raddoppio del loro volume, ci vorranno circa due ore.

  9. Quando mancheranno 20 minuti alla fine della lievitazione, preriscaldate il forno a 180 gradi.

  10. Spennellate le brioche col tuppo con un tuorlo mescolato con un pò di latte, quindi infornate per circa 25 minuti. Le brioche col tuppo sono pronte, sfornate e fate raffreddare completamente.

Brioche col tuppo tradizionali

vassoio con tante brioches siciliane col tuppo

Foto Shutterstock | Andrei Molchan

La brioche col tuppo con la ricetta tradizionale si fa aggiungendo lo zafferano agli ingredienti (con la metà del sale della ricetta). Scioglietelo nel latte con il lievito, il profumo del vostro dolce sarà ancora più forte, il sapore più speziato. Provate, come tutti i dolci siciliani sono buonissime.

Per questa ricetta abbiamo usato la farina manitoba, una farina di forza, ideale per una buona lievitazione lunga, ma potete anche mescolare metà di questa con metà di farina 00 oppure 0 o anche integrale, per una versione utile per chi ha bisogno di fibre.

Al posto della vaniglia potete usare anche la cannella, provatele con questa spezia. Infine potete usare la scorza di limone con o al posto di quella di arancia, così sfrutterete a pieno il gusto e il profumo degli agrumi di Sicilia.

Conservazione

Le brioche col tuppo, come tutte le brioche, il giorno dopo hanno una consistenza più secca, un profumo meno inebriante e un sapore un po’ diverso. Consigliamo di congelarle appena fatte se ne fate tante. Quando le scongelate mettetele in forno qualche minuto, torneranno più fragranti e resteranno morbide. Lo stesso comunque potete fare anche se non le congelate, conservatele in frigorifero, ma solo per un giorno e poi in forno sempre per farle tornare simili a quando sono appena cotte. Foto di nishanga

Parole di Kati Irrente

Giornalista per vocazione, scrive per il web dal 2007 di cronaca italiana ed estera, politica e costume. La sua passione è la buona cucina, non solo le ricette della tradizione gastronomica italiana e internazionale ma anche piatti originali e particolari. Divide il tempo libero tra musica, cinema, libri e fumetti d'autore.

Potrebbe interessarti