Arance ripiene

  • default-difficolta
  • default-
  • 1 Persone
  • n.d.

Le arance ripiene sono un dolce molto carino e raffinato da servire per le feste, secondo me è perfetto per concludere un pranzo o una cena a base di pesce proprio perché a base di agrumi. Le potete preparare il giorno prima e quindi potete integrarle nel menù Pranzo di Natale senza stress dove la maggior parte delle portate è preparata in anticipo.

Ingredienti

  • 5 grosse arance (preferibilmente da agricoltura biologica)
  • 3 uova
  • 100 gr di zucchero
  • 40 gr di farina
  • Un bicchierino di Cointreau
  • 1 fialetta di essenza di vaniglia
  • Latte

Preparazione

 
Lavate le arance sotto l’acqua corrente e asciugatele bene. Prendetene una e grattugiate la scorza, solo la parte arancione. Spremete il frutto e mettete tutto il succo di arancia in una ciotolina.  
Adesso prendete le altre 4 arance e togliete la calotta, aiutandovi con un coltello estraete molto delicatamente la polpa e mettete da parte del coppe d’arancia svuotate. Togliete tutti i semi dalla polpa e anche le pellicine soprattutto quelle più spesse, frullate il tutto e poi passate al setaccio se occorre.  
Versate la polpa d’arancia frullata in un recipiente graduato e aggiungete il succo di arancia, la scorza grattugiata e la vaniglia. In una ciotola mettete i tuorli delle 3 uova, lo zucchero e la farina, mescolateli con lo sbattitore elettrico fino ad avere una spuma.  
Versate anche la spuma nel recipiente graduato e allungate con il latte fino a raggiungere la tacca del mezzo litro. Versate il composto in un pentolino e fate cuocere a fuoco molto dolce, sempre mescolando per 15 minuti.  
Fate raffreddare la crema e aggiungete un bicchierino di Cointreau, versate la cremina nelle 4 coppe di arancia e coprite con le 4 calotte, mettete in frigo a riposare per almeno due 2 ore.  
Togliete le arance dal frigo al momento di servirle e decoratele con foglioline di menta e fettine di limone.  
Foto da: www.ristoranti-sicilia.it www.aziendaagricolamiceli.com www.carrefoursicilia.it

Parole di Serena Vasta