asparagi verdi

Come pulire gli asparagi

Con questa guida scopriremo i trucchi per pulire gli asparagi in modo facile e veloce. Selvatici, sottili o grossi, verdi o bianchi: renderli perfetti per le vostre ricette non sarà più un segreto!

3 di 3

3 di 3

Come cuocere gli asparagi

Foto Shutterstock | Family Art

Utilizzate un tagliere e adagiate gli asparagi in orizzontale. Con un coltello ben affilato, procedete a tagliare la parte finale biancastra di ciascun gambo, perché troppo dura e legnosa. Se avete a disposizione asparagi grandi, vi consigliamo di eliminarne circa 2 cm mentre per quelli più sottili è sufficiente solo 1 cm. 

Utilizzando un pelaverdure, continuate a pulire gli asparagi partendo dalla parte terminale e risalendo verso le punte così da eliminare la sezione più esterna, solitamente più dura. Se gli asparagi sono sottili, potete tranquillamente evitare questa operazione. 

Conclusa la fase di pulizia, procedete con la cottura degli asparagi. Legateli insieme con uno spago a creare un mazzo, e successivamente pareggiateli in lunghezza. Metteteli a cuocere in una pentola stretta e alta, riempita fino al bordo con acqua. Immergete gli ortaggi lasciando fuori le punte: in questo modo, i gambi si cucineranno più facilmente mentre queste ultime beneficeranno del vapore di cottura assumendo la giusta consistenza. Lasciate cuocere in questo modo per circa 15-20 minuti. Il tempo sarà determinato dalle dimensioni degli asparagi, che a fine cottura dovranno essere teneri e compatti. A questo punto, i vostri ortaggi saranno pronti per le preparazioni che vorrete!

Ecco una selezione delle migliori ricette da realizzare con gli asparagi:

3 di 3

Pagina iniziale

3 di 3

Parole di Giovanna Tedde

Mi occupo da anni di contenuti web in salsa multicolor: dalla cronaca nera a quella rosa, passando per approfondimenti sull'attualità e una sana dose di buona cucina…

© 2005-2022 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Buttalapasta è supplemento a DesignMag, testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Roma n° 63 del 4 maggio 2022.