Crostata vegan

Crostata vegan

Tempo:
30 min
Porzioni:
8 Persone
Calorie:
80 Kcal/Porz

    La ricetta della crostata vegan è uno dei dolci base della pasticceria vegana. La crostata, pur essendo un dolce classico e di semplice realizzazione, può riservare delle insidie nella preparazione della sua versione vegetale, soprattutto per la realizzazione di una buona frolla. E’ fondamentale ottenere una pasta frolla elastica e lavorabile, senza che risulti eccessivamente oleosa al tatto, allo stesso tempo che cotta sia croccante e non panosa, come spesso accade per questo genere di dolce vegano. Seguendo questa ricetta, avrete un impasto lavorabile e una crostata croccante come quella classica. Io ve la propongo con una classica marmellata di fragole biologiche, fatta da me, ma voi date via libera alla fantasia.

    Ingredienti

    Ingredienti Crostata vegan per otto persone

    • 250 g di farina integrale
    • 75 ml di olio
    • 1 puntina di bicarbonato
    • 80 g di zucchero
    • 50 ml di acqua fredda
    • la scorza di mezzo limone

    Ricetta e preparazione

    Come fare Crostata vegan

    Crostata vegan

    Come per la maggior parte dei dolci vegani, iniziamo mescolando gli ingredienti secchi da un lato, mettendo in un recipiente la farina, lo zucchero e la puntina di bicarbonato.

    Crostata vegan

    In un recipiente a parte, mettiamo insieme l’olio e l’acqua ed emulsioniamo.

    Crostata vegan

    Mettiamo insieme i due composti ed aggiungiamo la scorza grattugiata del limone.

    Crostata vegan

    Amalgamiamo il tutto, inizialmente con la frusta, fino a quando non avremo raccolto tutto il composto.

    Crostata vegan

    Poi passiamo il tutto sulla spianatoia: continuiamo ad impastare il composto a mano, fino a quando non sarà del tutto omogeneo ed elastico. Nel caso doveste trovare l’impasto al tatto troppo duro, aggiungete poche gocce di acqua alla volta, fino a quando non riuscirete a lavorare il tutto con facilità, ma senza che diventi troppo morbido.

    Crostata vegan

    Una volta che l’impasto risulti perfettamente lavorabile, riponiamolo in un contenitore mettendo della farina alla base e sopra e facciamolo riposare per circa un’ora in frigo.

    Crostata vegan

    Una volta trascorso il tempo necessario, prendiamo il nostro impasto e tagliamone una parte che terremo da parte per fare le strisce di frolla da mettere sulla nostra crostata.

    Crostata vegan

    Con l’aiuto di un foglio di carta forno, stendiamo con il mattarello la nostra pasta frolla vegana, cercando di dargli una forma tonda.

    Crostata vegan

    Riponiamo l’impasto nella tortiera, aiutandoci con la carta forno, che useremo come base per aiutarci ad estrarre con facilità la nostra crostata vegan una volta cotta. Una volta fatto, con i denti di una forchetta bucherelliamo la pasta frolla, così che, durante la cottura, eviteremo che si gonfi.

    Crostata vegan

    Farciamo la crostata con la marmellata e livelliamola bene, una volta fatto, decoriamola con delle strisce di frolla che ricaveremo dalla pasta messa da parte.

    Crostata vegan

    Mettiamo la crostata in forno statico preriscaldato a 180° per 40 minuti circa. Per sciogliere qualsiasi dubbio sulla cottura, ed evitare, come magari vi sarà successo, di avere una crostata dorata in superficie, ma cruda alla base, facciamo sempre la prova stecchino prima di sfornarla.

    Crostata vegan

    Facciamo raffreddare la nostra crostata vegan prima di togliere la carta forno e riponiamola in un piatto da portata e serviamola con un succo di frutta o un’ottima tazza di thè caldo.

    Consigli

    Questo stesso procedimento, con il medesimo dosaggio, può essere utilizzato per realizzare dei biscotti di pasta frolla. Unica differenza è la cottura. Fate cuocere sempre a 180°, 10 min per lato.

    Quando togliete la frolla dal frigo, prima di lavorarla con il mattarello, è consigliabile farlo prima un pò a mano, così da evitare che la frolla si rompa.

    Varianti

    Il bello della crostata è che possiamo farcirla come preferiamo: confetture, creme, abbinando crema e frutta. In questo caso, chiaramente, faremo cucinare prima la frolla (ponendo sopra un foglio di carta forno con dei ceci) e poi, una volta raffreddata, la farciremo con la crema che avremo scelto. Un’altra variante potrebbe essere, sostituire con lo stesso dosaggio l’olio con della margarina fusa. E nel caso preferiste un impasto più morbido, al posto dell’acqua aggiungete del latte vegetale. Un’altra variante che preferisco è sostituire le classiche “striscioline” con delle formine di frolla poste sopra la farcia. Così per ogni occasione potremmo avere delle crostate personalizzate.

    Ricetta e foto di Sara Alvaro

    VOTA:
    4.7/5 su 3 voti