Test per buongustai, indovina la ricetta celebre in tutto il mondo: hai tre indizi

test ricetta

Test per veri buongustai - buttalapasta.it

Mettiti alla prova con questo test gastronomico per veri buongustai: indovina la ricetta con 3 piccoli indizi. 

Sei pronto per un divertente e stimolante test per veri buongustai? Si tratta di indovinare la ricetta a partire da tre semplici indizi e scoprire qual è uno dei piatti più celebri e amati della cucina italiana in tutto il mondo di cui si parla.

Con tre indizi misteriosiregina, colori della bandiera italiana e basilico – ti guideremo attraverso la storia di un’icona italiana senza tempo. Preparati a mettere alla prova le tue conoscenze in fatto di cucina italiana e lasciati tentare dai profumi e dai sapori di questa delizia internazionale strepitosa.

Scopri di che ricetta stiamo parlando e preparati a cucinarla direttamente a casa tua. Questo piatto è perfetto per tutte le occasioni e ha la capacità di lasciare senza parole ad ogni morso.

La ricetta più iconica d’Italia: il test per buongustai che stavi aspettando

Indizio 1 – Regina: nel 1889, durante la visita dei reali presso Napoli, la regina Margherita di Savoia chiese di assaggiare la famosa pizza. Il pizzaiolo Raffaele Esposito, per tale occasione, aggiunse sulla classica pizza rossa, della mozzarella e del basilico. Il risultato conquistò subito la regina, divenendo il suo piatto preferito.

test ricetta indizi

Quali sono gli indizi per risolvere questo test della pizza (buttalapasta.it)

Indizio 2 – Colori della bandiera: questa ricetta, conosciuta e amata in tutto il mondo, ha una particolarità: i suoi ingredienti principali richiamano alla perfezione i colori della bandiera italiana: rosso, bianco e verde. Il rosso della salsa di pomodoro, il bianco della mozzarella ed il verde del basilico creano un’armonia visiva (oltre che gustativa) in grado di ammaliare anche la vista.

Indizio 3 – Basilico: il basilico è uno degli ingredienti fondamentali di questo piatto iconico, poiché oltre al tocco di colore, offre un aroma fresco che si sposa alla perfezione con gli altri ingredienti. La sua presenza è un elemento distintivo e fondamentale di questa ricetta, non solo per rispetto della tradizione ma anche per il gusto speciale che riesce a donare all’intero piatto.

Ed ecco quindi la ricetta originale per preparare la famosa pizza margherita direttamente a casa tua. La ricetta si riferisce alle dosi per preparare 3 pizze dal diametro di circa 28 cm.

Ingredienti: 

  • 200 gr di farina manitoba
  • 300 gr di farina 00
  • 300 ml di acqua a temperatura ambiente
  • 10 gr di sale fino
  • 4 gr di lievito di birra fresco

Per condire:

  • 300 gr di passata di pomodoro
  • 200 gr di mozzarella
  • Basilico q.b.
  • Olio extravergine d’oliva q.b.
  • Semola di grano duro rimacinata q.b. (per stendere)

Preparazione:

  • Realizzare l’impasto per la pizza, unendo le due farine in una ciotola, sbriciolando il lievito e versando l’acqua poco per volta. Mescolare con cura fino ad ottenere una consistenza omogenea, quindi aggiungere il sale e impastare fino a quando l’impasto non diventa liscio.
  • Lasciar lievitare il tutto il tempo necessario al raddoppio del volume. Dovrebbe impiegare 6 ore a raddoppiare di volume.
  • Dopo il riposo e la lievitazione, dividere l’impasto in tre parti e formare delle palline. Stendere ogni pallina con un movimento rotatorio fino ad ottenere un disco sottile. Lasciar riposare per un’altra mezz’ora.
  • Aggiungere la passata di pomodoro, la mozzarella e il basilico, quindi infornare le pizze al massimo della temperatura a 250 gradi in modalità statica per 6-10 minuti.
pizza margherita ricetta

La storia e la ricetta della pizza margherita – buttalapasta.it

Allora, hai indovinato subito di che piatto stavamo parlando? Con la sua storia affascinante ed i suoi sapori iconici, la pizza margherita continua a conquistare il palato di moltissimi nel mondo. Segui questa ricetta e divertiti a giocare con i tuoi ospiti, raccontandogli tutti gli aneddoti su questo iconico piatto tutto italiano.

Parole di Chiara Poiani

Potrebbe interessarti