Pizza fritta

pizza fritta

Foto Shutterstock | Alessio Orru

  • media
  • 4 ore
  • 6 Persone
  • 500/porzione

La ricetta della pizza fritta napoletana è uno dei vanti della cucina partenopea per quanto riguarda lo street food e non solo. Ma come si fa la pizza fritta perfetta? Si parte dagli ingredienti, pochi ma devono essere di qualità! La pizza fritta a Napoli è un’istituzione vera e propria, ogni occasione è buona per gustarla, non importa che sia festa. È lei, con la sua bontà, a trasformare un giorno qualunque in una giornata memorabile! Da non confondere con il calzone, la pizza fritta è una di quelle pietanze da gustare appena tiepide, per poter apprezzare al meglio la fragranza regalata dalla cottura in olio caldo. Dopo aver fatto l’impasto per la pizza fritta viene farcita semplicemente con pomodoro, mozzarella e basilico. Ma è versatile e si presta a tutti i gusti, potete usare anche ricotta, provola e salame o ciccioli. Avete in programma una festa in famiglia? Non fatela mancare! E ora andiamo a vedere subito come preparare la pizza fritta napoletana.

Ingredienti

  • acqua 350 ml
  • lievito di birra 10 gr
  • sale 14 gr
  • farina 500 gr
  • scamorza affumicata 200 gr
  • ricotta 400 gr
  • salsa di pomodoro qb
  • basilico qb
  • olio di arachidi qb

Preparazione

  1. Ponete tutti gli ingredienti necessari per preparare la pasta per la pizza fritta sul piano di lavoro. Fate intiepidire l'acqua e prelevatene una parte da versare all'interno di una piccola ciotola. Aggiungete il lievito di birra, quindi mescolate bene con un cucchiaio per farlo sciogliere. Unite una manciata di farina e mescolate.

  2. Setacciate sul piano di lavoro tutta la farina rimasta e create una fontana al centro. Versate dentro il composto precedente. Iniziate ad impastare unendo, man mano, il resto dell'acqua. Continuate a lavorare con le mani per 15 minuti, unendo anche il sale dopo i primi 5.

  3. Ottenuto un impasto sodo ed elastico create una palla ed ungetela esternamente con dell'olio. Ponetela all'interno di una ciotola capiente e copritela con un canovaccio umido o un foglio di pellicola. Fate lievitare l'impasto per la pizza fritta, in un luogo caldo, asciutto e lontano da correnti d'aria, per circa 2 ore e 1/2.

  4. Trascorso tale lasso di tempo riprendete l'impasto e spolverate un piano di lavoro, o una spianatoia, con della farina. Ponete la pasta per pizza fritta sopra e stendetela con un mattarello. Ricavate dei dischi più o meno grandi, a seconda delle preferenze, ma in numero pari.

  5. Tagliate a pezzettini la scamorza e mescolatela con la ricotta. Distribuite al centro della metà dei dischi di pasta per pizza il formaggio misto appena preparato. Sovrapponete gli altri dischi e sigillate bene i bordi premendoli dopo averli appena inumiditi.

  6. Versate in un tegame abbastanza profondo dell'olio di arachidi e ponetelo su un fornello medio. Accendete la fiamma. Una volta ben caldo, friggete poche pizze ripiene per volta e completamente sommerse dall'olio. Dovranno cuocere fino a completa ed uniforme doratura.

  7. Scolatele e fate perdere loro l'eccesso di unto su carta assorbente da cucina. Distribuite sopra ciascuna un poco di salsa di pomodoro, un po' di scamorza ed una foglia di basilico fresco.

  8. Servite immediatamente, vanno gustate subito, ben calde.

Varianti della pizza fritta

pizza fritta napoletana

Foto Shutterstock | FVPhotography

Esiste una variante molto comune della pizza fritta, la cosiddetta montanara, che non prevede il ripieno, ma la farcitura viene posta soltanto sopra alla pizza dopo averla fritta. L’impasto è lo stesso proposto nella ricetta principale, quindi se non volete fare la pizza fritta ripiena limitatevi a stendere pezzi di impasto con le mani e a tuffarli nell’olio bollente. Dopo averli fatti dorare potete arricchirli con salsa di pomodoro, scamorza fresca o mozzarella scolata, e ovviamente foglie di basilico spezzettate e tutti i vostri ingredienti preferiti.

Potrebbe interessarti anche

Impasto per la pizza, la ricetta per farla a casa

Foto Shutterstock | Africa Studio

Parole di Kati Irrente

Giornalista per vocazione, scrivo per il web dal 2008. Mi occupo di cronaca italiana ed estera, politica e costume. Naturopata appassionata del vivere green e della buona cucina, divido il tempo libero tra musica, cinema e fumetti d'autore.