Marmellata di arance amare

Marmellata di arance amare

  • media
  • 1 ora e 15 minuti
  • 4 Persone
  • 248/porzione

Ecco come preparare la famosa marmellata di arance amare, o marmalade, tipica delle colazioni e dei the delle cinque inglesi. Per prepararla occorrono le arance amare, che sono una varietà particolare, magari difficile da trovare dai fruttivendoli, ma disponibili presso i produttori e in tanti giardini e orti. In Inghilterra le arance amare sono chiamate “Arance di Siviglia”.

Ingredienti

  • 1/2 kg di arance amare
  • 50 ml di succo di limone
  • 1 kg di zucchero bianco
  • zucchero di canna (opzionale)

marmellata di arance

Preparazione

  1. Pesate accuratamente le arance amare prima di iniziare e scrivetevi il peso.
  2. Lavatele e asciugatele.
  3. Tagliate le arance a metà, e spremetele per recuperare il succo.
  4. Eliminate eventuali semi dal succo.
  5. Togliete eventuali semi ancora presenti all’interno delle scorze di arancia.
  6. Mettete tutti i semi in un ciotola e copriteli di acqua.
  7. Tagliate le scorze di arancio in strisce larghe 0,25 cm. e mettetele in una ciotola con il succo e aggiungete acqua fino a coprirle completamente.
  8. Lasciate riposare il tutto per una notte.
  9. Riunite in un tegame le bucce con la loro acqua, l’acqua in cui stavano i semi e i semi riuniti in un sacchetto di garza.
  10. Portate a bollore e fate cuocere 2 o 3 ore, aggiungendo acqua mano a mano che evapora.
  11. Alla fine le scorze devono risultare morbide al tatto.
  12. Passate al colino il tutto e misurate il liquido ottenuto; controllate che sia il doppio del peso di partenza delle arance.
  13. Se il peso alla partenza era mezzo kg dovreste avere 1 litro di liquido: se è meno unite dell’acqua, mentre se è troppo fatelo concentrare sul fuoco.
  14. Unite lo zucchero.
  15. Aggiungete le scorze delle arance, il succo di limone, e uno o due cucchiai di zucchero di canna se volete la marmellata di colore più scuro.
  16. Portate ad ebollizione, eliminando eventuale schiuma che si formerà, continuate fino a quando la temperatura raggiungerà 150 gradi.
  17. Spegnete e lasciate riposare 10 minuti.
  18. Nel frattempo preparate dei barattoli sterilizzati e teneteli pronti.
  19. Riempite i barattoli fino all’orlo cercando di non lasciare spazio tra la marmellata e il coperchio.
  20. Chiudete per bene i barattoli, capovolgeteli e lasciateli raffreddare completamente senza muoverli.
  21. I barattoli colmi di marmellata, chiusi con il tappo e capovolti creeranno il sottovuoto.
 
Foto di Flavia Conidi

Parole di GIeGI

GIeGI è stata collaboratrice di Buttalapasta dal 2008 al 2013, spaziando tra tutte le tipologie di ricette, con un occhio di riguardo a quelle della tradizione regionale.